Warhammer Vermintide 2, recensione ufficiale

(Roma)ore 20:03:00 del 04/12/2017 - Categoria: , Videogames

Warhammer Vermintide 2, recensione ufficiale

L'Heroic Deed System (così è stato battezzato) catapulta il giocatore all'interno di mappe che prevedono una serie di limitazioni all'arsenale utilizzabile oppure un esercito avversario inedito.

Nel 2015 Warhammer: End Times-Vermintide si rivelò una graditissima sorpresa per tutti gli appassionati del mondo di Games Workshop: all'epoca il lavoro di Fatshark non si limitava a riproporre la formula "simil-Left 4 Dead" in salsa fantasy, ma riusciva anche a ricreare con sorprendente efficacia l'attraente crudezza di Warhammer. Chi ha falcidiato Skaven si ricorderà bene il crepuscolo di Ubersreik, la città dell'Impero deturpata dalla prole del grande Ratto Cornuto, di come le orde di topi facevano temere il loro arrivo grazie a sordidi schiamazzi e grida che vibravano nel sottosuolo. Il contesto di Vermintide era davvero favoloso, un po' meno l'impianto ludico, che coll'avanzare dell'avventura perdeva vigore ed acquisiva uno sgradevole retrogusto di ripetitività: d'altronde il rischio di un repentino affievolimento del fulgore è un pericolo che si è sempre insinuato in giochi di questo calibro. E Fatshark non seppe affrontarlo nel migliore dei modi.

Tuttavia, fresco di annuncio, Vermintide 2 vuol presentarsi ai nastri di partenza in forma ancora più smagliante del predecessore. Un'intervista con il Senior Game Designer Victor Magnuson ci ha presentato alcuni contenuti decisamente interessanti, e grazie ad una demo di appena dieci minuti abbiamo potuto testare con mano diverse novità della produzione. È ancora presto per trarre un giudizio, ma le prime impressioni sono confortanti.

AMANTI EROI

Capitolo loot: uno degli argomenti più delicati e a volte criticati del primo Vermintide, a causa di un'eccessiva casualità. Per il momento non è ancora chiaro in che direzione sia stato modificato, ma da Stoccolma assicurano non solo che è stato completamente rivisto, ma che non ci sarà la presenza di box a pagamento: di certo una buona notizia considerando l'andazzo degli ultimi tempi. Anche il crafting ha subito l'immancabile aggiornamento. Non è attualmente prevista la modalità PvP, nonostante diversi topic nel forum di Steam la richiedessero con insistenza, in compenso ci sarà una serie di missioni bonus assegnate casualmente al termine di una battaglia. L'Heroic Deed System (così è stato battezzato) catapulta il giocatore all'interno di mappe che prevedono una serie di limitazioni all'arsenale utilizzabile oppure un esercito avversario inedito. Ci sarà poi il supporto allo Steam Workshop, in modo che la comunità di giocatori possa dare sfogo alla propria creatività con modalità personalizzate. Dal punto di vista estetico, per quel che si è potuto vedere nel breve trailer del gameplay, assistiamo a migliorie marginali, legate soprattutto a texture più dettagliate. Davvero notevole invece il doppiaggio e la colonna sonora epica come l'universo di Warhammer richiede.

MANCA POCO

C'è stretto riserbo sulla data di lancio definitiva, ma si parla più genericamente del primo trimestre del 2018. Vermintide 2 sarà disponibile, oltre che per PC, anche per PlayStation 4 e Xbox One e probabilmente è lo stato delle versioni console ad impedire a Fastshark di essere più precisa sull'uscita: di certo non passerà un lasso di tempo così consistente come successo col primo Vermintide, ma non è da escludersi che, quantomeno all'inizio, sia la sola piattaforma PC ad avere l'esclusiva dello shooter cooperativo. Attualmente è possibile preordinarlo su Steam con uno sconto del 10%: così facendo si avrà accesso alla versione beta - il cui rilascio dovrebbe essere imminente - e al DLC Morte sul Reik. La più costosa Collector's Edition aggiunge, tra le altre cose, la colonna sonora, un set di wallpaper e alcune skin personalizzate. I requisiti consigliati sembrano essere alla portata di molte configurazioni (una GeForce GTX 970 dovrebbe già essere in grado di gestire tutti i dettagli in FullHD).

Inserzionista Gregorio

ALTRE News
Just Cause 4: provato
Just Cause 4: provato
(Roma)
-

In JC4 mancano invece del tutto passaggi intermedi: ogni regione ha una sola missione da completare prima che possiamo portarla dalla nostra parte, dopodiché si passa ad un’altra regione, e ad un’altra ancora, fino a quando non potremo sbloccare quella ad
  In Just Cause 4, Rico si ritrova a Solìs per aggiungere un tassello...

Resident Evil 2: la nostra prova
Resident Evil 2: la nostra prova
(Roma)
-

Memorizzare strade sicure o scorciatoie potrebbe rivelarsi vitale per fuggire.
  Il remake di Resident Evil 2 è oramai in dirittura d’arrivo. Mancano davvero...

La prova di Secret Files Il mistero di Tunguska
La prova di Secret Files Il mistero di Tunguska
(Roma)
-

Ilgameplay è un susseguirsi di esplorazioni, sporadici dialoghi con NPC e ricerche spasmodiche di indizi e oggetti, il tutto legato da un fil rouge piuttosto annodato su se stesso.
  Era l’ormai lontano 2006, quando sui nostri PC, e successivamente sulle...

Warhammer 40000 Mechanicus: guida passo passo
Warhammer 40000 Mechanicus: guida passo passo
(Roma)
-

Bulwark Studios ha investito tantissimo tempo nell’offrire agli utente la possibilità di potenziare, equipaggiare e personalizzare la propria piccola squadra di eroi.
  Quando noi giocatori ci mettiamo, siamo proprio delle bruttissime persone e...

La prova di Abzu
La prova di Abzu
(Roma)
-

È questa, in effetti, la sola interazione che avremo col gioco almeno fino ad un paio di brevi sequenze nel finale (gli ultimi venti minuti), in cui viene richiesto di passare silenziosamente davanti a delle macchine o di distruggerle nel magnifico cresce
  Il rapporto dei videogiochi con il mare è più o meno quello che ci...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati