Vietato fumare in auto: i 5 stelle contro gli italiani?

(Bari)ore 07:50:00 del 21/02/2019 - Categoria: , Nuove Leggi, Politica

Vietato fumare in auto: i 5 stelle contro gli italiani?

Vietato fumare, se sei alla guida dell’auto. Motivo: potresti distrarti, dovendo staccare una mano dal volante

Vietato fumare, se sei alla guida dell’auto. Motivo: potresti distrarti, dovendo staccare una mano dal volante. A premere per la crociata destinata a colpire gli automobilisti fumatori è il Movimento 5 Stelle, lo stesso che – attraverso Giulia Grillo, ministro della sanità – ha di fatto confermato l’obbligo vaccinale introdotto da Beatrice Lorenzin in assenza di emergenze sanitarie e senza alcuna disposizione precauzionale per i neonati.

Secondo il saggista e filologo Igor Sibaldi, già il primo storico divieto – l’interdizione al fumo nei locali pubblici – servì anche e soprattutto a testare la reattività politica della popolazione, di fronte a una ingiunzione così perentoria. Nel 2003, si temette che potesse drammaticamente crollare il giro d’affari di bar e ristoranti, divenuti improvvisamente “off limits” per i fumatori più accaniti. Annullare il disagio per i non-fumatori, facendo installare opportuni aspiratori per ripulire l’aria?

Alternativa saggia, ma neppure presa in considerazione: si preferì colpire i fumatori in modo indiscriminato, generando negli amanti della sigaretta lo stesso senso di colpa che affligge i bevitori, criminalizzati dalle recenti normative che limitano in modo drastico il consumo di alcolici per chi poi si mette al volante. Vaccini, fumo, alcol: oltre all’aspetto della salute e della sicurezza, salta agli occhi l’evidente volontà di mettere in crisi moltissimi cittadini, rendendoli insicuri e intimoriti di fronte all’autorità.

Nessun governo, oggi, riesce a incidere se non in minima parte sulle scelte di fondo, da cui dipende il benessere o il malessere della società nel suo complesso.

 

I paesi dell’Unione Europa sono costretti a rinunciare allo strumento strategico del deficit e Vietato fumare mentre si guidaquindi a esercitare un’anomala pressione fisciale, che accorcia il respiro dell’economia. Clamoroso il caso italiano: i Comuni non hanno più neppure i soldi per riparare le buche nelle strade. Ma, anziché dar voce a una protesta politica, si rassegnano a munirsi di autovelox per fare disperatamente cassa. Risultato: multe esorbitanti, a carico di automobilisti costretti a viaggiare su strade-colaborodo. Rispetto agli anni Novanta, per chi guida, l’Italia è diventata un paese irriconoscibile: si viaggia dribblando le buche per non scassare l’auto e si rischiano sanzioni salatissime se si “corre” ai 70 all’allora. C’è il ritiro della patente assicurato se a pranzo s’è bevuto qualche bicchiere di vino. E ora – ulteriore accanimento – chi ha sempre fumato guidando dovrà semplicemente smettere di farlo, o sarà punito esattamente come i pirati della strada, quelli che si distraggono davvero (loro sì) con l’orecchio incollato allo smartphone e magari le dita impegnate a inviare messaggi.

Si dirà che il fumo fa male, così come l’abuso di alcol. Ma punire con lo stesso provvedimento una pratica criminale (l’uso del telefono mentre si guida) e un’abitudine che non ha mai compromesso la sicurezza stradale (il fumo) autorizza più di un sospetto. In Europa, la crociata contro il tabacco sta spingendo un paese-pilota come la Svezia a proibire il fumo anche negli spazi pubblici all’aperto, equiparando il fumatore a un pericoloso drogato. Non a caso, la Svezia – un tempo all’avanguardia nella tutela dei diritti – è lo Stato che oggi incentiva la sconcertante pratica dell’introduzione del microchip sottopelle. L’Europa è in pezzi, l’ordoliberismo finanziario ha gambizzato un potenziale gigante economico, ma la “colpa” sembra sia dei cattivi cittadini: fumatori, bevitori, automobilisti, mamme che pretendono chiarimenti sull’improvviso obbligo vaccinale, non motivato da reali implicazioni sanitarie. Distopia orwelliana? Post-democrazia ipocrita e grottesca? L’economia soffre e il futuro svanisce – ma la “colpa” è nostra, si vorrebbe far credere, se nel vuoto cosmico della politica si colpisce chi ha bevuto una birra o fumato una sigaretta. E chi preme più di ogni altro, in Italia, per limitare la libertà dei cittadini? Indovinato: il Movimento 5 Stelle.

Da: QUI

Inserzionista Luca

ALTRE News
Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi 7 novembre
Seggiolini antiabbandono obbligatori da oggi 7 novembre
(Bari)
-

Chi non si doterà di questi dispositivi incorrerà in una sanzione amministrativa da 81 a 326 euro e la decurtazione di 5 punti dalla patente
SEGGIOLINI ANTIABBANDONO OBBLIGATORI - Da domani 7 novembre scatta l'obbligo per...

Stop alle aperture domenicali: e' giusto per tutelare i piccoli esercizi?
Stop alle aperture domenicali: e' giusto per tutelare i piccoli esercizi?
(Bari)
-

STOP ALLE APERTURE DOMENICALI, A CHE PUNTO SIAMO - Dopo un anno, Luigi Di Maio rilancia la vecchia battaglia pentastellata contro l'apertura domenicale degli esercizi commerciali, consentita dalle liberalizzazioni del governo Monti.
STOP ALLE APERTURE DOMENICALI, A CHE PUNTO SIAMO - Dopo un anno, Luigi Di Maio...

Tenere soldi in casa e' illegale? Per il governo SI, se li spendi...
Tenere soldi in casa e' illegale? Per il governo SI, se li spendi...
(Bari)
-

TENERE SOLDI IN CASA E' ILLEGALE? - “Dobbiamo porci il problema di come aggredire il contante che è presente nelle case degli italiani”
TENERE SOLDI IN CASA E' ILLEGALE? - “Dobbiamo porci il problema di come...

Unicredit: 3 milioni di dati di clienti VIOLATI
Unicredit: 3 milioni di dati di clienti VIOLATI
(Bari)
-

Nell'accesso non autorizzato a file Unicredit «non sono stati compromessi altri dati personali, né coordinate bancarie in grado di consentire l'accesso ai conti dei clienti o l'effettuazione di transazioni non autorizzate» ha fatto sapere la banca
DATI UTENTI UNICREDIT VIOLATI - Il team di sicurezza informatica di Unicredit ha...

Reddito di Cittadinanza sospeso per 100mila famiglie: ecco perche'
Reddito di Cittadinanza sospeso per 100mila famiglie: ecco perche'
(Bari)
-

L’Inps dall'inizio di questo mese ha inviato via sms un avviso a 520mila percettori del sussidio, tra questi ha risposto circa l’80% entro il termine del 21 ottobre.
REDDITO CITTADINANZA SOSPESO PER 100MILA FAMIGLIE ECCO PERCHE' - Sono circa...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati