Videogames: Tour de France 2019

(Milano)ore 19:42:00 del 20/07/2019 - Categoria: , Videogames

Videogames: Tour de France 2019

Il multiplayer online, rimanendo in tema, supporta fino a tre giocatori, e consente di correre le varie corse proposte.

 

RECENSIONE TOUR DE FRANCE 2019 - Tour de France 2019 consente di vestire i panni di un ciclista professionista. È possibile infatti comandare l’atleta in prima persona accelerando e frenando, decidendo le traiettorie delle curve e i momenti in cui attaccare. E fin qui, niente di nuovo. Le prime novità, invece, il titolo Cyanide le riserva alle modalità di gioco disponibili.

Oltre alla possibilità di giocare una tappa o una corsa singola, ci si può divertire con le sfide. Queste consistono nell’affrontare alcune delle discese più tecniche delle tappe del tour e, novità di quest’anno, alcuni scenari predefiniti. In alcuni si dovrà trionfare in uno scatto di gruppo, mentre in altri saremo chiamati a vincere la gara dopo essere rientrati in gruppo dopo una foratura. Tutte le sfide possono essere giocate in competizione con altri giocatori in locale. Il multiplayer online, rimanendo in tema, supporta fino a tre giocatori, e consente di correre le varie corse proposte.

RECENSIONE TOUR DE FRANCE 2019 - Non mancano le due opzioni più corpose, ovvero Pro Team e Pro Leader. Nella prima si sarà chiamati a creare una squadra ex novo, cercando di portarla alla vittoria. Si inizia con competizioni di minore portata fino ad arrivare, si spera dopo alcune vittorie, a potersela giocare nelle gare più prestigiose. Il calendario è rimasto praticamente immutato dall’anno scorso, a eccezione di due new entry. Tour de France 2019, infatti, permette di vivere le emozioni del Giro delle Fiandre e del Campionato Mondiale. A questi si affiancano Giro del Delfinato, Parigi-Roubaix, Tour de France, Parigi-Nizza e altre competizioni minori.

Il gameplay rimane totalmente invariato rispetto ai titoli del 2017 e del 2018, e anche se la software house promette un’IA diversa che prende le virate in modo più realistico. Quindi manteniamo la stessa gestione dello sforzo, con una barra rossa di sprint e blu, con due gel per fare rifornimento in gara. Non ci sono quindi grandi sconvolgimenti, e ad eccezione della gestione del vento in alcune fasi, le condizioni meteorologiche rimangono le stesse. I puristi ricadranno sulla gestione dell’auricolare per mantenere l’aspetto tattico, ma si acquisteranno contro l’immobilità di un gameplay che diventa chiaramente ridondante nel corso degli anni. E anche se il motore grafico non è cambiato, abbiamo il piacere di vedere l’evolvere nelle pianure e nelle città francesi durante le gare davvero tattiche.

RECENSIONE TOUR DE FRANCE 2019 - La gestione delle cuffie è davvero essenziale per posizionare correttamente i corridori nelle fughe, proteggere i suoi leader e gestire le ascese dei passaggi più difficili. L’immersione è buona e i risultati sono piuttosto coerenti a livello delle forze nel gruppo. Solo rammarico nel contenuto del Tour, come la mancanza di alcune licenze, comprese quelle di Team Ineos. Inoltre, ci sono diversi elementi chiave del patrimonio, come l’Arco di Trionfo nel Tour o miti nei classici come le finitrici di Roubaix. Perché sì, oltre al Tour de France, le altre “coppe” da conquistare, come la Parigi-Roubaix, Giro del Delfinato, il Giro di Corsica e novità di quest’anno, il Flanders Classic. Inoltre i Dejavu tornano anche nelle modalità di gioco in generale. Oltre alla modalità gara, Tour de France 2019 offre di nuovo la Pro Leader (carriera di un ciclista personalizzato) e Pro Team (di una squadra). Purtroppo il gioco cade negli spazi vuoti come l’anno scorso, con due modalità di carriera troppo piatte. È una semplice successione di gare, un’avventura senza una vera profondità per una carriera individuale o di squadra. Entrambe le esperienze sono troppo simili tra loro, il che diminuisce ulteriormente il loro interesse.

In conclusione

Anche se ha cambiato marcia passando a un altro editor, il gioco ufficiale del Tour de France ci dà sempre l’impressione di una minestrina riproposta come tutti gli anni. L’annata 2019 offre sicuramente nuove sfide sprint, il Vlaanderen Classic e rimane nei suoi standard, ma le novità sono troppo sottili per soddisfare i fan della serie. Mantenendo esattamente la stessa meccanica dei suoi predecessori, Tour de France 2019 non è il titolo che speravamo da Cyanide.

 

Inserzionista Gerardo

ALTRE News
La prova di Gears 5
La prova di Gears 5
(Milano)
-

Il cambio di prospettiva JD > Kait arriva in concomitanza con un ulteriore, eclatante cambiamento: abbandoneremo le strade e gli angusti corridoi della città per esplorare sconfinate distese ghiacciate e lande desertiche, con tanto di bussola e veicolo.
  RECENSIONE GEARS 5 - Gli autori sono riusciti a mettere insieme vari elementi...

La prova di Dying Light 2
La prova di Dying Light 2
(Milano)
-

A ciò andrà a sommarsi anche la modalità cooperativa fino a quattro giocatori, la quale ci permetterà di ‘invadere’ l’avventura di altri utenti (magari in scenari totalmente differenti da quello affrontato precedenza).
  ANTEPRIMA DYING LIGHT 2 - Tornare a immergersi tra le maestose rovine...

La prova di Gears Pop
La prova di Gears Pop
(Milano)
-

e non possiamo che avere un’opinione estremamente positiva sia del matchmaking, incredibilmente rapido, sia della tenuta delle partite stesse, che non hanno mai causato alcun tipo di problema.
  RECENSIONE GEARS POP - In prima battuta Gears POP! si pone come un tower...

La prova di Predator Hunting Grounds
La prova di Predator Hunting Grounds
(Milano)
-

Ovviamente, mancando ancora diversi mesi prima dell’uscita del gioco ci auguriamo che il team Illfonic si rimbocchi seriamente le maniche, correggendo il gran numero di imperfezioni riscontrate in questo primo test giocabile (e magari dando una ritoccata
  PREDATOR HUNTING GROUND ANTEPRIMA - Immaginate di essere in una foresta,...

La prova di Ancestors The Humankind Odyssey
La prova di Ancestors The Humankind Odyssey
(Milano)
-

Avanzare alla fase successiva è un compito arduo, non è raro veder sterminata la propria stirpe e in un certo senso Désilets&Co. ci vogliono ricordare con il loro lavoro quanto sia stata dura la strada che ci ha portati sin qui.
  ANCESTORS THE HUMANKIND ODYSSEY RECENSIONE - Ancestors: The Humankind...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati