Valkyria Chronicles 4: cosa conoscere

(Cagliari)ore 11:28:00 del 15/09/2018 - Categoria: , Videogames

Valkyria Chronicles 4: cosa conoscere

Tra il dire ed il fare, però, c'è spesso di mezzo il mare, e la notizia che, nel frattempo, la patria della gran parte dei componenti della squadra E è stata invasa dai soldati dell'Impero non aiuta di certo il morale delle truppe...

 

L'inedito, e incredibilmente affascinante punto di vista offerto da Sega con gli eventi raccontati nel capostipite torna con questo quarto capitolo: nel tentativo di riallacciarsi quanto più possibile al setting e alle atmosfere delle avventure di Welkin Gunther e compagnia, Kohei Yamashita e la sua squadra di sceneggiatori hanno ambientato Valkyria Chronicles 4 non sono nel medesimo universo narrativo ma persino nello stesso arco temporale.

Durante la Seconda Guerra Europea, pochi mesi dentro l'anno 1935, il giocatore sarà chiamato a vestire i panni di Claude Wallace, giovane comandante proveniente dalla Gallia e del suo team, la Squadra E, cui la Federazione Atlantica affiderà un'ultima, disperata missione per capovolgere le sorti della guerra.

Il conflitto che vede quest'ultima contrapposta all'Impero, infatti, sembra incanalato verso una conclusione disastrosa, con le truppe imperiali già penetrate in un terzo dei territori della Federazione ed in continua avanzata: messo con le spalle al muro, l'alto comando della Federazione impiega le ultime risorse disponibili per attaccare in contropiede, sperando che un manipolo di valorosi soldati possa prendere Schwartzgrad, la capitale nemica, ponendo istantaneamente fine agli scontri.

Ecco che, allora, al capitano Wallace e ai suoi uomini viene aperto un varco tra le forze nemiche, consentendo loro di entrare in territorio ostile in maniera silenziosa, così da infiltrarsi tra le linee avversarie e giungere indisturbati al cuore della potenza imperiale: tra il dire ed il fare, però, c'è spesso di mezzo il mare, e la notizia che, nel frattempo, la patria della gran parte dei componenti della squadra E è stata invasa dai soldati dell'Impero non aiuta di certo il morale delle truppe...

Se l'intento del team di sviluppo era riprendere i temi e gli eventi del capitolo d'esordio, il risultato non può che dirsi raggiunto: con la leggerezza e l'umanità tipiche dei racconti giapponesi, Valkyria Chronicles 4 alterna con naturalezza momenti ilari, in cui la giovane età dei protagonisti emerge, ad altri in cui la crudezza della guerra e le atrocità commesse in suo nome assurgono al ruolo di protagoniste, spingendo ad una riflessione soprattutto con i tempi che corrono.

Per quanto possa sembrare dissonante a tratti, soprattutto a chi non è abituato al modo di raccontare storie degli sceneggiatori nipponici, l'avvicendarsi di scene di grande impatto emotivo e di altre decisamente leggere, con battutacce e cameratismo come se piovesse, riesce a creare un unicum godibile e funzionale, nel quale spiccano alcune delle personalità tratteggiate.

Su tutti il comandante, Claude Wallace, timido ed introverso ma anche deciso e dall'animo nobile, la silenziosa e letale cecchina Kai e l'inizialmente odiosa Riley riusciranno a ritagliarsi un ruolo da protagoniste, soprattutto per i giocatori che sceglieranno di approfondire i rapporti di amicizia spendendo qualche minuto nei dormitori ed assistendo ai relativi dialoghi opzionali.

Ovviamente in quanto gioco di strategia certe libertà d'azione cozzano con la natura stessa del genere. Se un avversario è protetto da una copertura di sacchi di sabbia, anche se la testa sporge, il gioco calcolerà il suo essere perfettamente difeso quando proverete un head-shot col vostro cecchino di fiducia. È una cosa ovvia, ma può succedere di dimenticarselo durante la foga di una battaglia.

La gestione delle statistiche è molto buona, visto che specifica il danno che faremo ad un avversario e quanti colpi servono per eliminarlo, a patto di non essere troppo lontani, dato che nebbia o altri fenomeni ambientali possono limitare la visibilità.

Conta anche la precisione di ogni personaggio e ci sono bonus o malus casuali che si attivano, a volte per azioni che si sono compiute, altre a causa del meteo. Anche i rapporti tra compagni di squadra contano, quindi è spesso importante valutare chi mandare in campo, soprattutto per azioni “di coppia”. Tutti questi fattori generano battaglie divertenti e sempre diverse, in qualche occasione leggermente frustranti ma è lo scotto da pagare per questa varietà, del resto siamo in guerra.

 

Inserzionista Gregorio

ALTRE News
Okunoka: provato
Okunoka: provato
(Cagliari)
-

Una nota marginale vogliamo però metterla: Ka risulta eccessivamente piccolo, il che può risultare problematico a seconda della propria configurazione di gioco.
  Da qualche anno a questa parte, abbiamo visto aumentare a dismisura il numero...

Videogames: Ashen
Videogames: Ashen
(Cagliari)
-

Questi personaggi ci daranno, oltre a questline con missioni collegate le une alle altre e narrazioni interessanti, l’opportunità di avere nuovi e gradualmente più potenti strumenti, alcuni dei quali hanno un impatto notevole sul gameplay: uno ad esempio
  Quello che è quasi diventato un genere a se stante, con criteri ormai...

Recensione anteprima Beyond Good & Evil 2
Recensione anteprima Beyond Good & Evil 2
(Cagliari)
-

L’ultima diretta trasmessa dalla casa transalpina ci ha permesso di dare uno sguardo parecchio ravvicinato al nuovo Beyond Good & Evil, con tanti particolari e soprattutto un piano preciso di come lo sviluppatore si stiano muovendo per la realizzazione di
  Dopo un tormentato percorso, quella che è una serie già ampiamente tormentata...

Videogames: Super Smash Bros Ultimate
Videogames: Super Smash Bros Ultimate
(Cagliari)
-

E non solo, perché Ultimate rappresenta l’apoteosi ma anche la celebrazione della sua storia. Al di là dell’ormai celebre leit-motiv everyone is here!, l’iterazione per Nintendo Switch non perde mai l’occasione per omaggiare il suo passato, con easter egg
  Dall’esordio nel 1999, Super Smash Bros. si è esibito in un percorso di...

La prova di The Outer Worlds
La prova di The Outer Worlds
(Cagliari)
-

Una volta messo piede sul pianeta, ci ritroveremo invischiati in una complicata cospirazione che rischia di distruggerlo.
  The Outer Worlds porta la firma dei director dei Fallout originali, Tim Cain...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati