Straordinari anticostituzionali, lavoro GRATIS legalizzato, salari MINIMI: ITALIANO...SVEGLIAAA!

(Bari)ore 23:18:00 del 13/09/2017 - Categoria: , Denunce, Lavoro

Straordinari anticostituzionali, lavoro GRATIS legalizzato, salari MINIMI: ITALIANO...SVEGLIAAA!

LEGGI QUESTO ARTICOLO E RIPETI INSIEME A NOI: “SONO UNA PERSONA LIBERA”….

LEGGI QUESTO ARTICOLO E RIPETI INSIEME A NOI: “SONO UNA PERSONA LIBERA”….

- Grazie all'inerzia dei giovani i "diritti" sudati in precedenza dai nostri vecchi ormai sono stati praticamente azzerati.
- Gli straordinari, quelle ore in più di lavoro alla normale routine quotidiana, che venivano richieste molto raramente ed ovviamente con il permesso del lavoratore, oggi sono diventati normali ore di lavoro, da accettare pena il licenziamento.

- L'andare in bagno a fare i propri bisogni, un tempo considerato un bisogno inviolabile di prima necessità, oggi si è trasformato in "perfavore padrone, posso andare in bagno?", e tale bisogno viene concesso solo in determinati orari, come a scuola...perché si sa, siamo così perfetti da decidere a quale ora, ma che dico, a quel minuto dobbiamo pisciare o cacare.
- Gli stage formativi sono lavoro gratis legalizzato, fatevene una ragione!
- Sempre più aziende hanno introdotto il sabato mattina tra l'orario obbligatorio di lavoro, così giusto per farvi lavorare mezza giornata in più alla settimana, pagata ovviamente normale.
- Gli italiani hanno calato volentieri i pantaloni in questi anni, accettando qualsiasi contratto venisse loro proposto, pur di "avere un lavoro", dunque anche la dignità se n'è andata a farsi fottere.


Ma tra l'immensa massa pecorile italiota, sappiamo bene che ci sono anche degli esseri umani che dalla vita vogliono qualcosa in più di uno stipendio alla fine del mese, e questi sono i lettori di questo magnifico blog, persone a cui la dignità risulta più importante dell'ultimo Iphone, uomini e donne che lavorano si, ma facendosi rispettare prima di tutto.

Ecco, a questo piccolo gruppo di pecore nere io mi rivolgo, e propongo loro di creare dei "datori di riposo", poichè di datori di lavori ne abbiamo tutti piene le palle.

Basta dunque a tutti questi esseri frustati che dettano ordini e trattano le persone peggio di come si trattavano i muli da traino durante la grande guerra, è tempo di ritornare a parlare di rispetto e di umanità nel luogo di lavoro. Tutti abbiamo bisogno di portare a casa il pane e di provvedere a noi stessi, ma ce modo e modo di farlo...
Basta ricatti!
Basta straordinari! 
Lavorare 5 giorni su 7, 8 ore al giorno è già una tortura sufficiente, non vi pare?
Basta inutile stress! 
Che poi pastiglie  e picofarmaci mica ve li passano l'azienda…


Basta turni svernanti che vi esauriscono mentalmente e fisicamente! Che poi gli integratori e la pappa reale mica ve li passano l'azienda.
E' giunto il tempo di creare l'antagonista naturale al giacca e cravatta sfruttatore e questo è il datore di riposo, che al posto di incaricarvi di fatica vi incaricherà di sano ozio, di passeggiate all'aperto, di lunghe meditazioni in riva al lago, di bagni rilassanti e di riposino pomeridiani e che manderà letteralmente a fanculo le pubblicità che promuovo pasticche in grado di farti tornare al lavoro il giorno dopo che hai avuto 38° di febbre.
D'ora in poi la febbre passerà nel suo ritmo naturale, dai 3 ai 5 giorni, per il datore di riposo il lavoro viene sempre dopo la salute.
Allora che ne pensate?
E' giunto il tempo di introdurre questa figura speciale tra di noi?
Daniele Reale
E come primo compito emanato dal vostro supremo DATORE DI RIPOSO, in quanto inventore di tale termine, vi ordino, anzi vi invito affettuosamente come vostra prima mansione ad osservare il dipinto qui sotto e ad assaporane tutte le belle sensazioni che vi trasmette:
Il cielo azzurro, l'aria secca e calda dell'estate, il profumo del grano appena falciato, la sensazione dei vostri arti ora a riposo, il suono dell'armonica del vostro compagno d'ozio, il sapore del vino che vi disseta, le risate tra una barzelletta e l'altra, la pace che si respira assieme all'aria.
Non è magnifico?

Da: QUI

Inserzionista Luca

ALTRE News
Sala (indagato per EXPO) graziato dai PG: a cosa serve ancora la Giustizia?
Sala (indagato per EXPO) graziato dai PG: a cosa serve ancora la Giustizia?
(Bari)
-

Continua la persecuzione o la sfortuna per il PD. Questa magistratura non ha altro da fare che prendersela con un partito in cui quasi ogni giorno qualcuno è coinvolto in giri di malaffare.
Continua la persecuzione o la sfortuna per il PD. Questa magistratura non ha...

Bloccati i fondi alla Lega. Caro Salvini, sarai mica preoccupato di dover lavorare per campare?
Bloccati i fondi alla Lega. Caro Salvini, sarai mica preoccupato di dover lavorare per campare?
(Bari)
-

Il 24 luglio scorso il tribunale di Genova ha condannato Bossi e Belsito, riconosciuti colpevoli nel processo sulla truffa da 56 milioni di euro ai danni dello Stato. 
UNA SENTENZA CHE RICORDA A TUTTI GLI ITALIANI LA STORIA DELLA LEGA CHE SALVINI...

I trucchi del Governo e dell'Istat dietro i dati sul lavoro!
I trucchi del Governo e dell'Istat dietro i dati sul lavoro!
(Bari)
-

Nonostante gli sforzi di fantasia scientifica di Eurostat – organismo europeo che ha deciso criteri di catalogazione dell’occupazione alquanto demenziali – e a dispetto degli sforzi estetici del presidente dell’Istat (Giorgio Alleva, renziano di ferro), l
Nonostante gli sforzi di fantasia scientifica di Eurostat – organismo europeo...

Come controbattere ai PRO ABORTO: CHI SEI TU PER GIUDICARE???
Come controbattere ai PRO ABORTO: CHI SEI TU PER GIUDICARE???
(Bari)
-

gni persona ha un certo grado di impulso libertario. Non vogliamo che lo Stato ci costringa a fare le cose, inoltre ciascuno conosce la propria situazione personale meglio di chiunque altro, vi è perciò qualcosa di naturalmente intuitivo nell'idea che gli
1) CHI SEI TU PER GIUDICARE? Questa frase, è la perfetta candidata a diventare...


(Bari)
-


INCHIESTA JUVE-NDRANGHETA - Due anni e mezzo di inibizione da infliggere al...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati