Reddito di Cittadinanza: sussidio agli stranieri dopo 10 anni di residenza

(Napoli)ore 19:42:00 del 10/01/2019 - Categoria: , Economia, Politica

Reddito di Cittadinanza: sussidio agli stranieri dopo 10 anni di residenza

La soglia dei 5 anni di residenza per gli stranieri verrà portata a 10

"La nostra norma sul Reddito di cittadinanza è rivolta agli italiani. Per fare questo innalzeremo il tetto dei lungosoggiornanti, in modo da rispettare le norme europee, ma allo stesso tempo per rivolgere la misura ai cittadini del nostro Paese. Quindi, quei 5 anni che si legge nella bozza del decreto è da modificare, sarà più alto". Risponde così il vicepremier e ministro dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio ai cronisti che gli chiedevano spiegazioni sulla misura che tocca anche gli immigrati regolarmente residenti in Italia.

Manca ancora il decreto che permetterà di rendere effettiva la misura cardine del programma del M5S, cioè il reddito di cittadinanza: il governo ha assicurato che lo emanerà entro la prossima settimana. Ma nella bozza circolata, smentita dal vicepremier, tra i requisiti si parlava di 5 anni di residenza per gli stranieri, per ottenere il sussidio di 780 euro al mese. Un punto su cui si erano già scontrati Lega e M5S. A settembre scorso il ministro degli Interni Matteo Salvini aveva chiesto che tutti gli stranieri venissero esclusi.

Il nodo comunque non è di semplice soluzione, perché bisognerà tenere conto anche delle regole comunitarie: una direttiva europea del 2003 (la 109) stabilisce infatti che "con riferimento all'assistenza sociale, la possibilità di limitare le prestazioni per soggiornanti di lungo periodo a quelle essenziali deve intendersi nel senso che queste ultime comprendono almeno un sostegno di reddito minimo" oltre all'assistenza sanitaria. Secondo le leggi europee le limitazioni non possono valere per i cittadini comunitari, per esempio i rumeni o i bulgari, che quindi non potrebbero essere tagliati fuori dalla platea prevista per la misura. E dunque il governo potrebbe estendere il requisito dei 10 anni anche agli italiani, per non attuare norme discriminatorie. Ma questo comporterebbe l'esclusione anche di coloro che hanno lavorato temporaneamente all'estero e che adesso vorrebbero rientrare in Italia.

La soglia dei 5 anni era stata indicata nel Documento programmatico inviato a ottobre alla commissione Ue. Ma dopo i tagli richiesti da Bruxelles sulla manovra, che ha portato da 9,1 a 7,1 miliardi nel 2019 il budget previsto per il reddito di cittadinanza, il governo ha dovuto restringere ulteriormente la platea dei beneficiari. Come ha evidenziato il Corriere della sera, nella relazione tecnica alla bozza di decreto con il requisito dei 5 anni di residenza sarebbero state circa 200mila le famiglie di stranieri raggiunte dal sussidio (su un totale di un milione 375 mila nuclei) con 1,2 miliardi di spesa all'anno su 8,1 miliardi, cioè il 15% della spesa totale.

Il vicepremier pentastellato ha poi elencato alcuni paletti: "È importante che si sappia che le famiglie che accedono al programma del Reddito si cittadinanza devono fare alcune cose: devono mandare i figli a scuola, devono rispettare tutti gli obblighi e i doveri con lo Stato e i capi famiglia, madre o padre che sia, devono entrare in un programma di reinserimento nel mondo del lavoro. Quindi anche alle famiglie per cui è stato concepito questo strumento ricordo che ci saranno una serie di doveri da rispettare tra cui i lavori di pubblica utilità". 

Le opposizioni attaccano: "Ormai è stata svelata la pubblicità ingannevole del reddito di cittadinanza che non può certamente essere più chiamato così. Innanzitutto è un reddito di sudditanza perché i Cinque stelle, invece di favorire le condizioni per lo sviluppo e il lavoro, hanno tutto l'interesse a fare in modo che ci siano milioni di disoccupati da tenere in ostaggio con la promessa di un sussidio. Della serie: ‘se mi voti ti do il sussidio, altrimenti no'", ha detto la vicepresidente dei senatori di Forza Italia, Licia Ronzulli. "Inoltre è sempre più evidente che è un reddito di immigrazione perché andrà anche agli stranieri regolarmente residenti nel nostro Paese. Non solo quindi il ‘reddito di cittadinanza' è una misura sbagliata nel merito perché non incentiva il lavoro ma incentiva a restare seduti sul divano, ma è addirittura una beffa perché viene pagato agli stranieri saccheggiando le pensioni, il reddito e i risparmi degli italiani".

Da: QUI

Inserzionista Luca

ALTRE News
Stop alle targhe straniere per il Decreto Salvini  : maxi multe in arrivo!
Stop alle targhe straniere per il Decreto Salvini : maxi multe in arrivo!
(Napoli)
-

Maxi multa per un “furbetto” delle targhe straniere a Milano: la polizia locale ha sanzionato un automobilista che circolava su una vettura con targa romena.
Chi ha un'auto con la targa straniera farà bene a stare attento. Anche a Milano...

Terremotati: il nuovo governo non ha fatto NIENTE per noi
Terremotati: il nuovo governo non ha fatto NIENTE per noi
(Napoli)
-

Francesco Pastorella, coordinatore di 114 comitati di terremotati, critica il governo per la gestione di questi mesi
Terremotati contro migranti. L'ultima "trovata comunicativa" del Ministro degli...

Bei tempi, quando Grillo era ancora GRILLO... e si allinea anche sui VACCINI
Bei tempi, quando Grillo era ancora GRILLO... e si allinea anche sui VACCINI
(Napoli)
-

Da parte sua, dire che non è favorevole all’obbligo vaccinale «è un modo vile per togliersi dal pasticcio nel quale si è cacciato», dopo aver firmato – con Renzi – l’appello di Roberto Burioni che di fatto invita lo Stato a emanare leggi «che impediscano
Bei tempi, quando Grillo era ancora Grillo. Da parte sua, dire che non è...

Roma, una citta' FINANZIARIAMENTE FALLITA. Ma NESSUNO lo dice
Roma, una citta' FINANZIARIAMENTE FALLITA. Ma NESSUNO lo dice
(Napoli)
-

Come in un puzzle, guardando le singole tesserine non si coglie il disegno complessivo, ma collegandole una all’altra i contorni si chiarificano ed appare, passo dopo passo, l’immagine complessiva del quadro.
Come in un puzzle, guardando le singole tesserine non si coglie il disegno...

Tutte le spese FUORI CONTROLLO della GERMANIA
Tutte le spese FUORI CONTROLLO della GERMANIA
(Napoli)
-

Berlino chiede rigore ai paesi europei ma sulle uscite previdenziali ha un debito inarrestabile. Peggio di quello dell'Italia
Rigore, rigore e ancora rigore. Ai soci dell’eurozona...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati