Recensione ufficiale Realm Royale

(Palermo)ore 22:24:00 del 08/07/2018 - Categoria: , Videogames

Recensione ufficiale Realm Royale

Il concetto di base poi rimane il solito dei battle royale: verrete paracadutati su una enorme isola, con varie ambientazioni, insieme ad altri 99 giocatori

In quella che può essere considerata a tutti gli effetti un'invasione del mercato da parte dei battle royale, è già diventato difficile, per gli sviluppatori, far emergere un nuovo prodotto basato proprio su questa struttura di gioco, data l'enorme fama dei due giganti del settore, ossia Fortnite e PUBG.

Nel tentativo di trovare dunque una formula che permetta di far brillare la loro opera, le software house sembrano dedicarsi costantemente alla ricerca di qualche particolarità che gli dia l'opportunità di distinguersi dalla massa. Purtroppo, in casi come Realm Royale, l'affannosa conquista dell'originalità a tutti i costi rischia di contraddire la natura stessa di questa modalità: optare per la scelta di classi con abilità specifiche rappresenta un'aggiunta forse gradita a un certo pubblico, ma che mal si sposa con gli obiettivi tipici del genere. Vediamo nello specifico le caratteristiche di questo nuovo esponente dei battle royale, che sembra già aver riscosso un notevole successo.

Molto Realm...

Il concept alla base di Realm Royale, disponibile in early access su Steam in formato Free To Play, è molto semplice: gli sviluppatori di Hi-Rez Studios (già famosi per Smite e Paladins) hanno cercato di creare una commistione di elementi da gioco di ruolo e battle royale, andando a modificare la struttura stessa alla base di questa modalità competitiva. Al contrario di tutti gli altri congeneri, in Realm Royaledovremo infatti scegliere una determinata classe con cui partire, che ci garantirà una serie di talenti unici, in grado di mutare radicalmente il nostro approccio al level design. Ad esempio, il guerriero può compiere dei balzi immensi, l'ingegnere crea un muro impenetrabile di fronte a sé e la maga vola frontalmente finché non incontra un ostacolo: la varietà di movimento e azioni, come potrete immaginare, è dunque molto ampia. Come se non bastasse, ogni personaggio possiede delle skill passive decisamente varie, che cambiano in modo invasivo lo stile di gioco: la maga guadagna il 30% in più di cure dalle pozioni, mentre l'ingegnere ottiene 5 punti di scudo ogni secondo, giusto per fare un esempio. La conseguenza diretta di queste scelte sarà facilmente prevedibile da chiunque abbia un briciolo di esperienza con la battle royale: le classi e le abilità., del resto, creano un vero e proprio meta, in relazione alle zone e ai luoghi in cui saremo costretti a combattere (ricordiamo sempre che nella battle royale la mappa si restringe costantemente). Già dalle prime battute dell'early access, YouTube e i forum dedicati erano stracolmi di analisi sui personaggi, elencando gli eroi più adatti a certi contesti e situazioni. Con l'obiettivo dunque di rinfrescare una modalità che, sebbene ancora giovane, ha già inondato il mercato, Hi-Rez ha provato ad aggiungere una personalizzazione dell'esperienza che non sia solo estetica, ma fortemente ludica, andando ad intaccare elementi assolutamente determinanti nel corso della competizione, come il movimento, l'equipaggiamento e le abilità.

Più dell'aggiunta delle classi, a fare la differenza è l'introduzione della Forgia, un elemento che ribalta completamente i metodi tradizionali di esplorazione e sopravvivenza all'interno del battle royale.

Il concetto di base poi rimane il solito dei battle royale: verrete paracadutati su una enorme isola, con varie ambientazioni, insieme ad altri 99 giocatori. Potrete decidere se entrare in coda con un altro giocatore o con una squadra completa. Sparse per la mappa poi ci sono le forge, dove i giocatori potranno forgiare appunto armi leggendarie che possono garantirgli la vittoria. Inoltre, per spostarsi sulla mappa di gioco, potrete evocare anche una cavalcatura. Una volta feriti potrete essere rimessi in sesto da un compagno di squadra, e nell’attesa sarete trasformati in simpatici polli.

Le classi giocano un ruolo essenziale per il gioco di squadra, ed effettivamente aggiungono quel qualcosa in più che potrebbe risultare estremamente divertente. Al momento RealmRoyale è in accesso anticipato su Steam per PC Windows. Il download è gratuito, e a breve dovrebbero arrivare acquisti in-app probabilmente indirizzati unicamente al lato estetico, visto che quanto serve per sopravvivere si trova appunto sul campo di battaglia. Ovviamente trattandosi di un Accesso Anticipato potrebbe riservare problemi di vario genere, anche se da quanto abbiamo provato finora non sembrano esserci bug o grossi difetti.

Inserzionista Gerardo

ALTRE News
La prova di A Plague Tale Innocence
La prova di A Plague Tale Innocence
(Palermo)
-

Qui i due vengono avvistati e cacciati a malo modo dagli abitanti rinchiusi nelle loro case, quasi fosse in atto una vera e propria persecuzione nei loro confronti.
  In occasione del What’s Next tenutosi a Parigi pochi giorni fa, Focus Home...

La prova di The Princess Guide
La prova di The Princess Guide
(Palermo)
-

Un meccanismo di scelta costante, che “fa da padrone” all’interno delle dinamiche di The Princess Guide, riesce, però, a stratificare in maniera interessante la narrazione, rendendo maggiormente interattivi i costanti dialoghi descritti poc’anzi.
  Son tutti bravi ad impugnare una spada o un’enorme ascia bipenne, trincerarsi...

La prova di Anno 1800
La prova di Anno 1800
(Palermo)
-

In poche parole, è necessario mantenere alcune zone volutamente povere, per non privarsi di lavoratori fondamentali.
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

La prova di Pumped BMX Pro
La prova di Pumped BMX Pro
(Palermo)
-

Progredendo del gioco, dopo aver fatto pratica, sbloccherete altri set (attivabili con la semplice pressione dei tasti dorsali), che comprendono “mosse” più complicate oppure evoluzioni più spinte delle iniziali.
  Pumped BMX Pro non è uno di quei giochi che vi terrà impegnati per ore e ore...

Super Dragon Ball Heroes World Mission: provato
Super Dragon Ball Heroes World Mission: provato
(Palermo)
-

Dal 2010, Dragon Ball Heroes è diventato rapidamente tra i videogiochi di carte più giocati al mondo, ma relegato spesso e volentieri nel solo Giappone.
  Non serve che vi presentiamo Dragon Ball, l’immortale serie di Akira...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati