Professori italiani: i meno pagati e i piu' lavoratori d'EUROPA

(Roma)ore 11:28:00 del 09/02/2019 - Categoria: , Denunce, Lavoro

Professori italiani: i meno pagati e i piu' lavoratori d'EUROPA

Gli insegnanti italiani guadagnano poco. Almeno rispetto alla maggior parte dei loro colleghi europei. E il divario aumenta a confronto con i tedeschi che a fine mese portano a casa mediamente il doppio

Gli insegnanti italiani guadagnano poco. Almeno rispetto alla maggior parte dei loro colleghi europei. E il divario aumenta a confronto con i tedeschi che a fine mese portano a casa mediamente il doppio. È quanto emerge dall'ultimo rapporto Osce 2018, secondo cui gli insegnanti italiani sono quelli pagati di meno a tutti i livelli, nell'infanzia e nella primaria (24.807 euro), nelle medie inferiori e superiori (26.743).

Meno pagati da inizio a fine carriera

“La forbice tra gli stipendi italiani ed europei - si legge su Orizzonte Scuola - è già notevole ad inizio carriera, differenza che cresce riguardo ai docenti della scuola primaria, la cui retribuzione è inferiore di 2.770,95 euro all'anno rispetto a quella dei colleghi europei”. Non va meglio a fine carriera quando il divario è sempre notevole e il primato è ancora una volta “detenuto dai docenti della scuola primaria che percepiscono 9.539,98 euro in meno rispetto ai colleghi europei. Seguono i docenti della scuola secondaria di II grado con un meno 9.235,05 euro all'anno; i docenti della secondaria di primo grado con un meno 8.679,12 euro e quelli dell'infanzia con un meno 5.179,11.

I tedeschi i più pagati

Un insegnante di scuola primaria in Germania guadagna mediamente 49.185 euro a inizio carriera e 65.500 alla fine. Per i professori di primo grado (medie) lo stipendio è 55.292 all'inizio e 72.600 prima di andare in pensione. Mentre negli istituti superiori i docenti guadagnano 55.563 freschi di laurea e 80.375 a fine carriera. In altre parole, nell'infanzia c'è una differenza con l'Italia di 24.378 euro, nella primaria di 26.547, nelle medie inferiori di 28.550, nelle superiori di 28.820 euro.

La paga dipende dallo stato (federale)

Ma non tutti gli insegnanti tedeschi sono soddisfatti di ciò che portano a casa a fine mese. In Germania, infatti, il salario e l'orario di lavoro cambia a seconda dello stato federale. Il ministero dell'Istruzione lascia a ogni stato un certo margine di libertà nell'organizzazione del calendario scolastico e degli stipendi. Il risultato è una forte concorrenza tra stati e una corsa al trasferimento da parte degli insegnanti. Secondo quanto riporta il sito academics.com del settimanale Die Zeit, nel 2015 ad Amburgo il salario di un insegnate a tempo pieno era più alto dell'8,7% rispetto al resto del Paese. Subito dopo veniva la Sassonia con l'8,2%. All'ultimo posto si piazzava la Renania Palatinato in cui lo stipendio era del 4% più basso della media nazionale.

Più ore in classe

Rispetto agli insegnanti italiani i tedeschi lavorano di più. In Italia un docente resta in classe dalle 18 alle 22 ore a seconda della scuola:

  • 25 ore settimanali nella scuola dell'infanzia
  • 22 ore settimanali nella scuola elementare
  • 18 ore settimanali nelle scuole e istituti d'istruzione secondaria ed artistica

In Germania i docenti di scuola primaria lavorano 27 ore settimanali con picchi di 28,5 in Renania

Da: QUI

Inserzionista Luca

ALTRE News
Fragole italiane garantite e di qualita' messe da parte per far spazio ALLE CINESI
Fragole italiane garantite e di qualita' messe da parte per far spazio ALLE CINESI
(Roma)
-

Importazioni di fragole fuori controllo: la testimonianza di un produttore italiano
Per i fragolicoltori meridionali sono settimane dure a causa dell’invasione...

Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
(Roma)
-

Canarie: ecco il paese dove la benzina costa 1 euro, le sigarette 2 e l’IVA è al 7%
Benvenuti nel paradiso dei pensionati dove con 1000 euro si può fare una vita da...

Psicologo no, ma gli italiani preferiscono spendere 350 MILIONI L'ANNO in ANSIOLITICI
Psicologo no, ma gli italiani preferiscono spendere 350 MILIONI L'ANNO in ANSIOLITICI
(Roma)
-

Gli italiani hanno più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un Paese dove ammettere di essere in terapia da uno psicologo o uno psichiatra è ancora considerato un tabù, gli psicofarmaci sono diventati una scorciatoia per combattere i distur
Gli italiani hanno più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un...

Da 30 ANNI lo Stato spende meno di quanto incassa
Da 30 ANNI lo Stato spende meno di quanto incassa
(Roma)
-

Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel 1981, in cui accade un evento epocale, che fa da spartiacque nella storia della sovranità economica italiana
Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel...

FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
(Roma)
-

State sereni, il suo obiettivo lo ha raggiunto: far mangiare tutti gli sciacalli che ci giravano intorno!
Mose, con le tangenti di Galan appartamenti di lusso a Dubai. Sequestrati 12,3...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati