Pokemon Masters: cosa sapere

(Genova)ore 07:23:00 del 15/09/2019 - Categoria: , Videogames

Pokemon Masters: cosa sapere

Qui si terrà un importante torneo noto come World Pokémon Master (WPM), in cui tutti i migliori allenatori delle varie regioni si sfideranno in lotte 3 vs 3.

 

RECENSIONE POKEMON MASTERS - DeNA The Pokémon Company hanno da poco rilasciato per Android e iOS il nuovo titolo free-to-play Pokémon Masters, che ci porta sull’isola di Pasio. Qui si terrà un importante torneo noto come World Pokémon Master (WPM), in cui tutti i migliori allenatori delle varie regioni si sfideranno in lotte 3 vs 3. Insieme al nostro avatar, tra i partecipanti al torneo ci saranno anche Capipalestra, membri dei Superquattro e Campioni della Lega provenienti dagli altri giochi Pokémon, oltre a personaggi iconici della serie come Red, Blue ed altri ancora.

Dopo aver creato il nostro avatar e scelto un nickname ci ritroviamo subito catapultati nel mondo di gioco. Parlando alla reception dell’isola ci verrà spiegato il funzionamento del torneo e apprenderemo che per partecipare ci servono almeno due compagni, in quanto le battaglie sono sempre 3 contro 3. All’inizio verremo affiancati dai due Capipalestra della regione di Kanto: Misty e Brock, e il nostro compagno Pokémon sarà un Pikachu. Per potersi iscrivere effettivamente al torneo però sarà necessario collezionare 5 medaglie possedute da 5 allenatori sparsi per l’isola; scoprire chi siano è parte della sfida stessa.

Tecnicamente, il titolo è davvero bello da vedere e non sfigura se messo a fianco degli ultimi capitoli usciti sulle portatili Nintendo.

[foto2]

RECENSIONE POKEMON MASTERS - Non essendo presenti vere e proprie fasi esplorative (se non alcuni brevissimi segmenti), la forza del gioco sta nella realizzazione dei personaggi; i loro modelli sono estremamente curati e dettagliati, davvero una gioia per chiunque abbia imparato ad amare questi volti nel corso del tempo. Purtroppo, le animazioni delle mosse sono piuttosto elementari, persino per gli standard della serie; a questo fanno eccezione le Unimosse, che prevedono una speciale animazione che coinvolge anche l’allenatore; sebbene anche in questo caso la mossa non venga propriamente mostrata. In generale, Pokémon Masters è stato realizzato con un estremo riguardo verso i classici a cui il gioco si ispira; vi basterà visitare l’hub principale e orecchiare un nuovo remix dell’immancabile tema del Centro Pokémon per capire che il lavoro svolto da Nintendo e DeNa è davvero certosino, riuscendo a dare un’identità propria al nuovo Pokémon Masters pur senza tradire lo stile estetico tipico della serie. Accelerando il gioco, dovrete avere un terminale di fascia alta per evitare almeno in parte lo stuttering delle animazioni e del gioco, anche abilitando la modalità grafica a qualità “bassa” nelle impostazioni.

Come dicevamo, Pokémon Masters è strutturato in missioni; tanto le missioni di storia contenenti solo dialoghi quanto le missioni fatte di combattimenti hanno una durata che si aggira intorno ai cinque minuti di media. Una durata più che adeguata ad un titolo pensato per essere giocato ovunque; non abbiate dunque timore ad avviare una nuova missione di Pokémon Masters mentre aspettate l’autubus o la metro o, in generale, mentre siete fuori casa; la loro breve durata vi garantirà di poter sempre chiudere la partita quando ne avrete bisogno.

[foto3]

RECENSIONE POKEMON MASTERS - Per quanto riguarda, invece, le microtransazioni presenti nel gioco, la loro presenza viene ben sottolineata. La valuta di Pokémon Masters sono le gemme, ottenibili tramite il completamento di missioni ma anche acquistabili tramite denaro reale. Esse hanno diverse funzioni; permettono di cercare nuove Unità tramite un negozio presente nell’hub, permettono l’acquisto di indispensabili oggetti ed altro ancora. Si tratta sempre di oggetti che possono essere ottenuti senza pagare, tuttavia la strada per chi decide di non spendere un centesimo sul titolo è impervia. Anche perché c’è una differenza tra le gemme normali e quelle a pagamento, con le seconde che sbloccano bonus aggiuntivi durante gli eventi come la garanzia di sbloccare un’unità 5 stelle in un gruppo di ricerche da 10. Per quanto sia una meccanica che non rovina l’esperienza, e perciò impatta moderatamente sul voto, non l’approviamo in vista di un futuro ricco di eventi e nuove avventure. Perlomeno in difesa del titolo, possiamo dire che almeno la pubblicizzazione delle microtransazioni non è eccessivamente manifesta.

 

Inserzionista Gerardo

ALTRE News
La prova di Gears 5
La prova di Gears 5
(Genova)
-

Il cambio di prospettiva JD > Kait arriva in concomitanza con un ulteriore, eclatante cambiamento: abbandoneremo le strade e gli angusti corridoi della città per esplorare sconfinate distese ghiacciate e lande desertiche, con tanto di bussola e veicolo.
  RECENSIONE GEARS 5 - Gli autori sono riusciti a mettere insieme vari elementi...

La prova di Dying Light 2
La prova di Dying Light 2
(Genova)
-

A ciò andrà a sommarsi anche la modalità cooperativa fino a quattro giocatori, la quale ci permetterà di ‘invadere’ l’avventura di altri utenti (magari in scenari totalmente differenti da quello affrontato precedenza).
  ANTEPRIMA DYING LIGHT 2 - Tornare a immergersi tra le maestose rovine...

La prova di Gears Pop
La prova di Gears Pop
(Genova)
-

e non possiamo che avere un’opinione estremamente positiva sia del matchmaking, incredibilmente rapido, sia della tenuta delle partite stesse, che non hanno mai causato alcun tipo di problema.
  RECENSIONE GEARS POP - In prima battuta Gears POP! si pone come un tower...

La prova di Predator Hunting Grounds
La prova di Predator Hunting Grounds
(Genova)
-

Ovviamente, mancando ancora diversi mesi prima dell’uscita del gioco ci auguriamo che il team Illfonic si rimbocchi seriamente le maniche, correggendo il gran numero di imperfezioni riscontrate in questo primo test giocabile (e magari dando una ritoccata
  PREDATOR HUNTING GROUND ANTEPRIMA - Immaginate di essere in una foresta,...

La prova di Ancestors The Humankind Odyssey
La prova di Ancestors The Humankind Odyssey
(Genova)
-

Avanzare alla fase successiva è un compito arduo, non è raro veder sterminata la propria stirpe e in un certo senso Désilets&Co. ci vogliono ricordare con il loro lavoro quanto sia stata dura la strada che ci ha portati sin qui.
  ANCESTORS THE HUMANKIND ODYSSEY RECENSIONE - Ancestors: The Humankind...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati