Pensioni: tutti i modi per dire addio al lavoro prima dei 67 anni

(Napoli)ore 11:35:00 del 12/02/2019 - Categoria: , Economia, Politica

Pensioni: tutti i modi per dire addio al lavoro prima dei 67 anni

Pensioni, da quota 100 a opzione donna tutti i modi per dire addio al lavoro prima dei 67 anni previsti dalla legge Fornero

La cosiddetta quota 100, che consente di lasciare il lavoro con almeno 62 anni di età e 38 di contributi, appena introdotta dal governo di Lega e Movimento 5 stelle, è solo uno dei modi attualmente a disposizione per andare in pensione in anticipo rispetto ai 67 anni previsti dalla legge Fornero

Per scandire il ritmo dell’uscita dei lavoratori con la quota 100, che come visto consente la pensione a chi abbia almeno 62 anni di età e 38 di contributi, è stato previsto un sistema di finestre mobili. Nel dettaglio, potrà accedere all’opportunità già a partire dal primo aprile del 2019 chi abbia maturato i requisiti entro la fine del 2018, mentre tutti coloro che li maturano successivamente dovranno attendere tre mesi per ricevere il primo assegno. Discorso a parte per i lavoratori pubblici, che dovranno aspettare il primo agosto se già in possesso dei requisiti e sei mesi se li maturano successivamente. 

“Poiché la misura è valida per il triennio 2019-2021 – fanno notare da Itinerari previdenziali – il primo gennaio 2021 si sarebbe posto il problema se confermare o meno l’adeguamento del requisito anagrafico dei 62 anni alla speranza di vita. Il provvedimento ha previsto l’esenzione definitiva dell’indicizzazione di tale requisito all’aspettativa di vita”.

L’Ufficio parlamentare di bilancio ha calcolato che sfruttando la finestra di quota 100 si potrebbe subire una riduzione dell’assegno pieno, quello cioè che si percepirebbe lasciando il lavoro a 67 anni secondo l’applicazione della legge Fornero, tra il 5 e il 30%, a seconda che si anticipi la pensione di un anno o di oltre quattro. Secondo Itinerari previdenziali, però, parlare di penalizzazioni “dirette” dell’assegno è sbagliato: “È inevitabile che, lasciando con anticipo il lavoro, l’importo della pensione risulterà inferiore a causa della minore contribuzione e dell’applicazione di un coefficiente di trasformazione più basso”. Quest’ultimo, che è il valore che si utilizza per trasformare il montante contributivo in rendita, tiene infatti conto della speranza di vita e cresce con l’aumentare dell’età.

Tra i paletti fissati per l’accesso alla pensione anticipata con quota 100, c’è il divieto di cumulo di redditi. In particolare, non sarà possibile sommare al’assegno pensionistico redditi da lavoro dipendente o autonomo a eccezione di quelli derivanti da lavoro occasionale entro il limite di 5mila euro lordi all’anno. Il divieto sarà in vigore fino al raggiungimento dei requisiti necessari per l’accesso al pensionamento di vecchiaia, vale a dire appunto 67 anni.

Come ricordano da Itinerari previdenziali, “è prevista la possibilità di accedere al pensionamento con quota 100 sfruttando l’assegno straordinario per il sostegno al reddito erogato dai fondi di solidarietà bilaterali, a patto che vi sia un accordo collettivo aziendale o territoriale che definisca il numero di lavoratori da assumere a tempo indeterminato in sostituzione dei lavoratori che accedono a tale prestazione. Il finanziamento dell’operazione sarebbe totalmente a carico dell’azienda e deducibile fiscalmente”.

Pensione anticipata e lavoratori precoci

Per l’accesso alla pensione anticipata, fanno sapere da Itinerari previdenziali, valgono i requisiti già in vigore nel 2018: a prescindere dall’età anagrafica, 42 anni e dieci mesi di contributi per gli uomini, 41 anni e dieci mesi per le donne, 41 anni per i lavoratori precoci (cioè chi ha iniziato a lavorare prima dei 19 anni). “È comunque prevista una finestra di tre mesi per la decorrenza della pensione. Di conseguenza, per ricevere l’assegno, si dovranno aspettare due mesi in meno rispetto ai cinque di incremento previsti sulla base della Riforma Monti-Fornero”, notano da Itinerari previdenziali

Opzione donna

È stata prorogata per un altro anno la cosiddetta “opzione donna”, che consente di anticipare la pensione a 58 anni di età (59 per le lavoratrici autonome), con almeno 35 anni di contributi maturati entro la fine del 2018. “L’opzione – chiarisce Itinerari previdenziali – prevede il ricalcolo della pensione con il metodo contributivo (il che potrebbe comportare una riduzione dell’importo dell’assegno sulla base di diversi fattori come ad esempio l’età anagrafica alla decorrenza e la dinamica della carriera lavorativa) e una finestra mobile per la decorrenza dell’assegno di dodici mesi per le dipendenti e di 18 mesi per le autonome”.

A questo punto, Itinerari previdenziali mette in guardia che, relativamente a quota 100, pensione anticipata e opzione donna, l’articolo 27 del decreto approvato a gennaio dal governo di Lega e Movimento 5 stelle “prevede che l’Inps proceda al monitoraggio del numero di domande di pensionamento a carattere prospettico e invii successivamente una rendicontazione al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali e al ministero dell’Economia”. In altre parole, “se si verificasse uno scostamento rispetto alle previsioni di spesa le misure potrebbero bloccarsi”. Da ricordare che quota 100 è stata introdotta in via sperimentale per un triennio, sicché la riforma Fornero non è stata abolita (contrariamente alle promesse elettorali).

Ape sociale

Anche il cosiddetto “Ape (anticipo pensionistico) sociale” è stato prorogato per un altro anno. “Si tratta di un sussidio di accompagnamento alla pensione – riassumono da Itinerari previdenziali – interamente a carico dello Stato, destinato ai soggetti che abbiano raggiunto almeno i 63 anni di età (30 di contributi, 36 per chi svolge attività gravose) e che si trovano in particolari condizioni di bisogno”.

Da: QUI

Inserzionista Sasha

ALTRE News
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
(Napoli)
-

Canarie: ecco il paese dove la benzina costa 1 euro, le sigarette 2 e l’IVA è al 7%
Benvenuti nel paradiso dei pensionati dove con 1000 euro si può fare una vita da...

Italia: RECORD europeo di SCUOLE CHIUSE PER VACANZE.
Italia: RECORD europeo di SCUOLE CHIUSE PER VACANZE.
(Napoli)
-

Voi cosa ne pensate? Preferireste vacanze (anche quelle natalizie) più corte, ma suddivise su più periodi dell’anno?
In effetti, la durata delle vacanze è un problema molto serio, su cui politici e...

Da 30 ANNI lo Stato spende meno di quanto incassa
Da 30 ANNI lo Stato spende meno di quanto incassa
(Napoli)
-

Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel 1981, in cui accade un evento epocale, che fa da spartiacque nella storia della sovranità economica italiana
Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel...

FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
FALLIMENTO MOSE: costato 5,5 miliardi di euro
(Napoli)
-

State sereni, il suo obiettivo lo ha raggiunto: far mangiare tutti gli sciacalli che ci giravano intorno!
Mose, con le tangenti di Galan appartamenti di lusso a Dubai. Sequestrati 12,3...

2 milioni di emigrati dal meridione: la CRISI che spopola il SUD di cui NESSUNO PARLA
2 milioni di emigrati dal meridione: la CRISI che spopola il SUD di cui NESSUNO PARLA
(Napoli)
-

In un anno sono stati registrati 97mila stranieri in più, ma la popolazione è diminuita di 207mila unità
In un anno sono stati registrati 97mila stranieri in più, ma la popolazione è...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati