Multinazionali: il nuovo male del mondo

(Bologna)ore 12:30:00 del 11/11/2016 - Categoria: Denunce, Economia, Editoria, Esteri

Multinazionali: il nuovo male del mondo

La campagna contro questa multinazionale dura ormai da più di una decina d’anni.

La produzione multinazionale anglo-olandese è dedicata dedicato al cibo come Knorr Ben & Jerry e prodotti per l’igiene personale come Dove, Rexona e Axe.

La mega-corporation include diverse aziende che producono yogurt, gelato o pasta surgelata. I suoi marchi più popolari sono Cheerios, Golden Grahams, Yoplait, Haagen-Dazs Old El Paso, tra gli altri.

Queste aziende onnipotenti dominano il mercato mondiale. Le entrate della multinazionale più ricca supera gli 80 miliardi di dollari all’anno.

3 Unilever

Sede: Londra, Regno Unito.

Sede centrale: Battle Creek, Michigan (USA).

Questa società è principalmente impegnata nella produzione di dolciumi, cibi e bevande. I suoi marchi più famosi sono Oreo, Milka, Trident, Sale, Cadbury e Toblerone.

Luogo: Golden Valley, Minnesota (USA).

L’azienda è impegnata nella produzione di zucchero, lievito di birra e vari ingredienti alimentari. I suoi marchi includono Dorset Cereali e Tè Twinings. Inoltre, controlla la catena di negozi Primark di vestiti e accessori.

1Nestlé

Entrate nel 2015: 44.300 milioni di euro.

Sede centrale: Atlanta (USA).

Entrate nel 2015: 59.100 milioni di euro.

Sede: Parigi, Francia.

 

Entrate nel 2015: 17.600 milioni di euro.

Entrate nel 2015: 24.900 milioni di euro.

Sede: New York (USA).

9 Associated British Foods

10 Kellogg’s

5 Mars

Entrate nel 2015: 87 miliardi di dollari.

Sede centrale: Vevey, Svizzera.

Entrate nel 2015: 16.600 milioni di euro.

La multinazionale leader nella produzione di prodotti per la prima colazione, come cereali e biscotti, è ormai entrata anche nell mercato per gli spuntini. Tra i suoi più noti marchi si includono Corn flakes, All-Bran o Pringles, acquisiti nel 2012.

8 General Mills

Questo gigante delle bibite produce un gran numero di marchi universalmente noti come Coca-Cola, Sprite, Fanta o Nestea.

La società svizzera comprende aziende che producono cioccolato, latticini, alimenti per animali domestici e acqua in bottiglia. Nescafé, Nesquik, Maggi, KitKat, Garnier, Purina sono alcuni dei suoi marchi più famosi.

Sede: Deerfield, Illinois (USA).

La multinazionale francese è uno delle maggiori produttrici di alimenti per l’infanzia, prodotti lattiero-caseari e acqua in bottiglia. Vende marchi come yogurt Danone (Dannon negli Stati Uniti), Activia, Actimel e acqua minerale Evian.
6 Mondelez

La maggior parte delle grandi marche di cibo, prodotti per la casa e per gli animali e cosmetici sono controllate da solo 10 grandi aziende. Oxfam, una confederazione internazionale di organizzazioni non governative, ha creato un infografica che mostra la predominanza di queste aziende nel mercato mondiale e valuta ogni secondo il loro rispetto per l’ambiente e dei diritti dei lavoratori, ha riferito The Independent.

Questa multinazionale è specializzata nella produzione di bevande e snack. Tra i suoi marchi più popolari figurano Pepsi, 7Up, Mirinda, Doritos, Lay o Cheetos, tra gli altri.

Sede centrale: McLean, Virginia (USA).

7 Danone

 

2 PepsiCo

Sede: Londra (UK) e Rotterdam (Paesi Bassi).

Il conglomerato produce un gran numero di marche di dolciumi e di prodotti di animali. Questi includono Mars, Snickers, Twix, Bounty, M & M, Uncle Ben’s, Orbit, Pedigree e Whiskas.

I dipendenti sono sottopagati. Gli animali che forniscono la carne degli hamburger sono costretti a continue gravidanze e vengono imbottiti di antibiotici e farmaci. L’intera “politica pubblicitaria” della multinazionale mira a coinvolgere e convincere i bambini (con regali, promozioni e gadgets)e ovviamente, quando il bambino rompe i coglioni perché vuole andare da McDonald’s, ci va tutta la famiglia. Tre piccioni con un cheesburger.La campagna contro questa multinazionale dura ormai da più di una decina d’anni. La McDonald’s è finita più volte sotto processo. Ha pagato diversi milioni di dollari di risarcimento danni ai consumatori.Negli ultimi sei mesi il fatturato è sceso del 13%.

LE 10 MULTINAZIONALI CHE CONTROLLANO TUTTO QUELLO CHE COMPRIAMO: ECCO I VERI PADRONI DEL MONDO, QUELLI CHE SONO SOPRA A QUALUNQUE POLITICO

Entrate nel 2015: 33.000 milioni di euro.

4 Coca-Cola

Entrate nel 2015: 29.600 milioni di euro.

Entrate nel 2015: 13.500 milioni di euro.

Entrate nel 2015: 63.000 milioni di euro.

Inserzionista Luca

ALTRE News
Ecco il veleno che distrugge le tue ossa..e lo bevi ogni giorno! VIDEO
Ecco il veleno che distrugge le tue ossa..e lo bevi ogni giorno! VIDEO
(Bologna)
-

Tutti sappiamo che bere Coca Cola in grandi quantità può avere un impatto disastroso sul nostro fisico, ma il perchè nessuno lo sa.
Tutti sappiamo che bere Coca Cola in grandi quantità può avere un impatto...

Dichiarazione dei Redditi 2018: scadenze, minimo obbligo e dettagli
Dichiarazione dei Redditi 2018: scadenze, minimo obbligo e dettagli
(Bologna)
-

E' terminato da poco il capitolo dichiarazioni 2017, e già si parla di quelle del prossimo anno.
La dichiarazione dei redditi 2018 non è obbligatoria per tutti. Il dilemma sorge...

Una cellula SEGRETA di Facebok manipola L'OPINIONE PUBBLICA
Una cellula SEGRETA di Facebok manipola L'OPINIONE PUBBLICA
(Bologna)
-

Un recente articolo di Bloomberg ha rivelato come una cellula segreta di Facebook abbia permesso la creazione di un esercito di troll a favore di molti governi nel mondo, compresa l’India, sotto forma di propaganda digitale finalizzata a manipolare le ele
Un recente articolo di Bloomberg ha rivelato come una cellula segreta di...

Pagamento dei sacchetti? SOLO L'INIZIO! In arrivo la stangata sulla PLASTICA!
Pagamento dei sacchetti? SOLO L'INIZIO! In arrivo la stangata sulla PLASTICA!
(Bologna)
-

Il pagamento dei sacchetti biodegradabili al supermarket potrebbe essere solo l’antipasto di una stangata ben peggiore che nei prossimi mesi con molta probabilità si abbatterà sulle tasche degli italiani. 
Il pagamento dei sacchetti biodegradabili al supermarket potrebbe essere solo...

Trattenute pensioni 2018: cosa evitare
Trattenute pensioni 2018: cosa evitare
(Bologna)
-

È la circolare 186/2017 dell’INPS a confermarlo, annunciando per i primi mesi del 2018 il recupero del conguaglio di perequazione dell’anno 2015.
TRATTENUTE PENSIONI GENNAIO/FEBBRAIO 2018 - L’INPS conferma: nel 2018 l’importo...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati