Lasciare l'Italia...per dove? Ecco 10 destinazioni PER RIPARTIRE

(Milano)ore 15:03:00 del 07/12/2017 - Categoria: , Economia, Esteri, Lavoro

Lasciare l'Italia...per dove? Ecco 10 destinazioni PER RIPARTIRE

Decine di migliaia di giovani (under-35) lasciano ogni anno l’Italia alla ricerca di un “miglior futuro” all’estero.

Decine di migliaia di giovani (under-35) lasciano ogni anno l’Italia alla ricerca di un “miglior futuro” all’estero.

Leggendo questi dati,  le persone danno sempre il meglio – o il peggio – di sé. I commenti si sprecano, ma pochi analizzano davvero quale sia la realtà nascosta dietro quel dato. I più, generalizzano con argomentazioni del tipo: “mollare il proprio Paese nella difficoltà significa solo scappare, e i tuoi problemi ti inseguono ovunque tu vada”.

C’è un film di cui conservo un ricordo indelebile, perché penso mi abbia aperto gli occhi sul mondo. Diretto dal maestro Gabriele Salvatores, si intitola “Mediterraneo” ed è stato girato nel 1991: possiamo definirlo un film generazionale. Per me, rappresenta anche un parallelo con la condizione di molti giovani, oggi.

Sempre più spesso, specialmente in tempo di crisi, si può notare come tanti giovani si ritrovino – per scelta o per destino – davanti ad un importante (nonché spesso decisivo) bivio esistenziale:

Restare in Italia o lasciare il Belpaese?

Nel film i soldati erano ovviamente costretti a partire alla volta di un’isola sperduta nell’Egeo, in Italia c’era il fascismo e, probabilmente, l’unico a voler tornare in Patria era un giovane innamorato a cui mancava tremendamente la compagna. Ma una cosa, fin da piccolo, mi ha sempre preso a cazzotti lo stomaco durante la visione: una frase dell’anticonformista biologo e filosofo francese Henri Laborit,

“In tempi come questi la fuga è l’unico mezzo per mantenersi vivi e continuare a sognare.”

Viaggiando, vivendo anche all’estero, ho sentito un’infinità di volte dire: Perché sei scappato dall’Italia?”, come se il fatto di voler girare il mondo, scoprire nuove cose, abbandonare il proprio vicolo per vedere cosa ci sia intorno debba essere una sorta di fuga dove le orecchie devono stare basse, la coda tra le gambe e l’orgoglio sotto le scarpe.

1 – Thailandia
Se cercate uno stile di vita diverso da quello occidentale, la Thailandia è il miglior paese al mondo dove vivere.
Le motivazioni sono soprattutto lo stile di vita orientale, gli ottimi prezzi, molto più bassi che in Europa e le opportunità che questa terra offre. L'unico inconveniente di un viaggio per la Thailandia è che potreste rischiare di trovare molti connazionali che hanno fatto la vostra stessa scelta, quindi non sarà raro sentire parlare la vostra stessa lingua e incontrare qualche concittadino furbone anche lì. Quindi vi consigliamo di scegliere come meta qualche posto meno frequentato, come le isole della regione, per esempio Koh Pha Ngan, vicino alla famosa Koh Samui, qui potrete realizzare il vostro sogno immersi in angoli incontaminati e spiagge da paradiso. La vita in Thailandia costa davvero poco, e nelle città principali di Bangkok e Phuket, potreste trovare una sistemazione con soli 60 euro al mese, fino ai 21 euro al mese nella zona nord del Paese verso Chiang Mai, cifre ben distanti dagli nostri affitti che ormai raggiungono un normale stipendio. Con un  investimento contenuto potreste avviare una vostra attività lavorativa, però dovete fare i conti con la burocrazia locale.
2 – Brasile
Il Brasile è uno dei posti più belli del mondo dove vivere e gli italiani lo sanno benissimo.
Ricco di risorse e di materie prime, dà la possibilità di fare tutto ciò che si vuole e sviluppare nuove idee ed in qualche caso realizzare sogni. Se cercate luoghi magici, isole meravigliose dove si può vivere con poche centinaia di euro al mese, il Brasile è la meta che fa per voi. Vendere casa, lasciare il lavoro e trasferisti in Brasile, ovviamente non è cosa semplice, realizzare il proprio sogno e comprare un bar sulla spiaggia e vivere come un nababbo non è di certo immediato, ma non impossibile. Come per la Thailandia anche qui la burocrazia è molto severa e si può dire che funziona meglio che in Italia. Di conseguenza non potete andare in Brasile e fermarvi là, poichè sarete considerati clandestini, il visto turistico infatti vale sei mesi e non consente di avviare un'attività lavorativa. Negli ultimi anni si può incontrare qualche difficoltà nell'ottenere il visto permanente di lavoro, poichè il governo brasiliano tende a dare lavoro ai brasiliani e non agli stranieri. Ma nonostante questi ostacoli vivere e lavorare in Brasile è possibile, basta poter investire almeno 50 mila dollari, il minimo che il governo ha fissato per incentivare gli investimenti, e dopo cinque anni potrete ottenere il tanto agognato visto.


3 – Maldive
Se volete vivere tutto l'anno in costume da bagno, dovete scegliere le Maldive, dove tutto ciò è possibile.
Le Maldive sono quelle degli atolli da cartolina, della sabbia bianca,  le palme da cocco,  e dove si vive tra gente sempre cordiale e sorridente lontana dall'ansia e la freneticità dei nostri paesi.  Le Maldive rientrano tra i 10 migliori paesi dove emigrare perché è possibile vivere investendo nel settore turistico. Aprire un piccolo residence o guest house su uno degli atolli meravigliosi e lontani dalle città principali ormai occidentalizzate vi regalerà pace e tranquillità.  Infatti in questa parte del mondo, nelle zone meno frequentate, non esiste delinquenza, droga e invidia, un vero sogno che con un pò di coraggio potrebbe realizzarsi.
4 – Tahiti
Uno dei luoghi più costosi, a cui si pensa solo per le vacanze vip o come pazzia per la scelta del viaggio di nozze, ma rientra tra i paesi dove emigrare perché se riuscirete a trovare un lavoro, qui, il paradiso è davvero assicurato.
La Polinesia è molto cara, non è molto semplice trovare lavoro, a meno che non si avvia un’attività propria, ma il sogno di vivere in un eden a contatto con la natura, ad un ritmo di vita molto easy, tra le sabbie rosate, il mare blu e verde smeraldo fa superare anche questi problemi. Rientra tra i paesi dove trasferirsi dopo la pensione.
5 – Santo Domingo
Santo Domingo è un paese che già è stato scelto da molti italiani come posto dove andare a vivere, infatti vi risiedono già 35 mila italiani.
Molto sono andati in vacanza a Santo Domingo, e non sono riusciti a dimenticare i Caraibi, altri si sono trasferiti ed hanno creato una propria attività, altri hanno trovato la donna della loro vita ed altri ancora sono in cerca di uno stile di vita più rilassato. Santo Domingo è un paese abbastanza economico dove vivere, mangiare, affittare casa e farsi passare anche qualche sfizio non vi farà superare i 1000 euro al mese, ma molto dipende dallo stile di vita che si vuole seguire. Per la casa ci sono alcune zone dove con poco è possibile acquistare o affittare una bella villa sul mare, ma ci sono chiaramente anche delle zone molto più costose quindi bisogna scegliere dove vivere con una certa attenzione. A differenza delle altre zone ottenere la residenza a Santo Domingo non è molto complicato poiché non esistono dei vincoli particolari oltre a godere di buona salute e di non avere la fedina penale sporca.
6 – Antartide
Uno dei posti più strani al mondo dove fuggire all'estero è l'Antartide, sicuramente una buona idea per i periodi più caldi dell'anno.
Di certo non è una scelta facile, ma rappresenta una zona ancora pura dove poter svolgere attività scientifiche e di ricerca, quindi ottima per un'esperienza di lavoro. Il viaggio in Antartide rappresenterebbe un distaccamento dalla vita normale solo di un breve periodo, poiché le condizioni ambientali non sono delle migliori. Vivere anche solo per pochi mesi in Antartide è una prova di forza interiore, rappresenta una grande esperienza di vita e di sfida con se stessi.
7 – Cambogia
Non è un posto molto comune dove trasferirsi, dato che in buona parte ancora non è stato scoperto turisticamente, ma il costo della vita è simile, se non sotto alcuni aspetti migliore, rispetto a quello della Thailandia.
Pensate che con 350 euro al mese si può vivere nella capitale Phnom Penh. Sono tanti gli stranieri che stanno andando a vivere in Cambogia, quindi i prezzi stanno salendo, ma si riesce comunque a pagare un affitto con 150 euro mensili e cenare al ristorante con 1,50 euro. A differenza della Thailandia, dove è richiesto un capitale annuo o una pensione elevata per ottenere il visto, la Cambogia non pone alcuna restrizione, ed è probabilmente per questo che stanno aumentando gli italiani desiderosi di trasferirsi nel sud est asiatico.
8 – Costa Rica
Rispetto allo stile di vita a cui siamo abituati in Italia, vivere bene in Costa Rica non costa molto.
Una particolarità è che si può scegliere tra 12 zone climatiche diverse così da accontentare tutti. A San José il costo della vita è tra i più bassi al mondo, se poi si decide di stare fuori città si può addirittura vivere come nababbi. Con 425 euro al mese in Costa Rica si può fare una vita più che dignitosa e ci si può concedere qualche piccolo lusso. Un altro motivo per scegliere il Costa Rica è il fatto che è un paese pacifico, infatti ha abolito costituzionalmente l’esercito nel 1949, ed l'anno scorso si è classificato al primo posto tra paesi più felici del mondo, cosa da non sottovalutare nella scelta del luogo in cui vivere.

9 – Kenya
Il Kenya è il sogno di molti e in particolare Malindi è una delle località in Africa con più italiani, infatti ne sono più di 5000, oltre ad altri stranieri che hanno scelto l'Africa come luogo dove trascorrere la propria vita.
Se amate la natura selvaggia ed il calore del popolo africano, di sicuro il viaggio in Kenya non vi deluderà. Per comprare un bilocale a Malindi bastano 30 mila euro, la vita costa poco, per esempio un normale pasto in un ristorante costa sui 5 euro. Per trasferirsi non ci vuole molto, per avviare un'attività bisogna importare un minimo di capitale ed ottenere il permesso di lavoro che di norma vale per due anni.
10 – Marocco
Dire che il Marocco offre tante opportunità può risultare strano, perchè siamo abituati a vedere tanti marocchini che cercano fortuna nel nostro paese.
Pur rimanendo una nazione povera, con gravi difficoltà e una percentuale importante della popolazione che vive nella miseria, il Marocco sembra, negli ltimi anni, essere sempre più una meta prediletta da chi vuole crescere a livello professionale. Da questo punto di vista l'elemento fondamentale che dovete possedere per trasferirvi in Marocco è uno spiccato fiuto per gli affari, poichè in questa terrà se non avete idee buone ed una forte capacità imprenditoriale sarete calpestati facilmente. Diversamente potrebbe essere la meta migliore per emigrare.

Inserzionista Luca

ALTRE News
L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
L'OZIO salvera' il mondo. Come godere del DOLCE FAR NIENTE
(Milano)
-

“L’idea che il povero possa oziare ha sempre urtato i ricchi”
Oziare non solo è bello, ma colora la vita dell’individuo, la riempie di poesia,...

Libera gli ALTRI dalla SCHIAVITU'. Se TUTTI facessero come te, domani saresti libero anche TU
Libera gli ALTRI dalla SCHIAVITU'. Se TUTTI facessero come te, domani saresti libero anche TU
(Milano)
-

Pensa se tutti facessero come te, domani saresti libero anche Tu.
Prima di liberarti dalla Tua schiavitù, inizia a liberare gli altri dalla...

ZURIGO, reddito sociale UNIVERSALE. 2200 Euro per TUTTI
ZURIGO, reddito sociale UNIVERSALE. 2200 Euro per TUTTI
(Milano)
-

Si chiama “reddito di base incondizionato”, ha qualche affinità con il reddito di cittadinanza che piace al Movimento 5 Stelle ed è stato adottato, a titolo sperimentale, dal Consiglio Comunale di Zurigo
Zurigo, con l'introduzione in via sperimentale del 'reddito di base...

Sovranita' monetaria? IL GIAPPONE RAGGIUNGE LA PIENA OCCUPAZIONE!
Sovranita' monetaria? IL GIAPPONE RAGGIUNGE LA PIENA OCCUPAZIONE!
(Milano)
-

Queste sono le vere fake news da censurare! E non abbiamo affatto vissuto al di sopra delle nostre possibilità. 
QUANDO HAI SOVRANITÀ MONETARIA. GIAPPONE: RAGGIUNTA LA PIENA OCCUPAZIONE...

CRACK banche? Tutti i CONFLITTI DI INTERESSI dei politici NON INDAGATI
CRACK banche? Tutti i CONFLITTI DI INTERESSI dei politici NON INDAGATI
(Milano)
-

Crack in banca, tutti i conflitti di interesse dei politici che dovrebbero indagare Anni di ritardi, omissioni e leggi sbagliate.
Crack in banca, tutti i conflitti di interesse dei politici che dovrebbero...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati