Il paradosso della SINISTRA, che ha sempre ragione anche quando ha torto!

(Catanzaro)ore 23:42:00 del 30/07/2018 - Categoria: , Denunce, Politica

Il paradosso della SINISTRA, che ha sempre ragione anche quando ha torto!

In un editoriale sul Corriere della Sera, Ernesto Galli Della Loggia dà ragione a Salvini, che però deve essere bloccato perché ha il grave torto di non essere di sinistra

Una cosa è populista, fascista e xenofoba se la dice (o la fa) Salvini. Mentre diventa giusta, meritoria e lungimirante appena la dice o la fa la Sinistra. Ormai questo è l'andazzo. Lo abbiamo visto con l'emigrazione e il caso Minniti.
Qualcosa di simile potrebbe accadere sui temi dell'identità, della nazione, del sovranismo e dell'Europa.
Lo storico Ernesto Galli della Loggia, venerdì scorso, con un editoriale sul "Corriere della sera", ha attaccato "l'ideologia europeista" perché ha "delegittimato alla radice" la moderna idea di nazione (o di stato nazionale) facendone la "responsabile di tutte le sciagure novecentesche".

Come se le guerre non fossero esistite da prima, da sempre (dice lui giustamente), e come se - aggiungo io - il XX secolo non fosse stato devastato dal comunismo che era nemico dell'idea di nazione.
Galli è favorevole a recuperare l'identità nazionale, l'idea di patria, di Stato e il senso di appartenenza alla storia italiana. Quindi dovrebbe trovarsi vicino ai "sovranisti".
Ma curiosamente in quell'editoriale attacca l'UE perché con la sua ideologia anti-nazione ha dato la possibilità a Salvini di farsi paladino dell'Italia e degli italiani, cosa che lui definisce "una deriva sovranista".
ATTACCARE CHI HA RAGIONE
Poi Galli, ricordando che le "maggiori culture politiche" della prima repubblica (comunisti e cattolici) erano estranee all'idea di nazione, critica "l'establishment italiano, in prima fila l'establishment culturale", cresciuto in quel clima, perché dopo la fine della prima repubblica si è gettato "nell'infatuazione europeistica più acritica" spingendosi "addirittura fino alla rinuncia della sovranità in ambiti delicatissimi come la formazione delle leggi".

E cita - come esempi deleteri - la riforma costituzionale del 2001 "che sottomette la potestà legislativa" ai "vincoli derivanti dall'ordinamento comunitario" (un assoggettamento che nessun altro paese ha voluto). Oppure l'introduzione "sulla stessa linea" del Fiscal compact nel 2012.
Sono le stesse critiche che fanno i sovranisti e i leghisti, ma Galli e il Corriere non attaccano l'establishment italiano per aver fatto quei colossali errori, ma perché così "il tema della nazione" è stato "pian piano regalato" agli estremisti del populismo come Salvini.
Sarebbe interessante ricostruire cosa scrivevano Galli e il Corriere quando quelle infelici riforme antinazionali venivano introdotte. Non mi pare che abbiano fatto le barricate.
Oggi comunque le criticano, ma curiosamente se la prendono con chi le ha criticate prima di loro (a tempo debito) e lamentano il fatto che "la nazione è fatalmente divenuta patrimonio e strumento di una parte".
Cosicché il loro vero bersaglio polemico - paradossalmente - diventa non chi ha sbagliato e ha umiliato la sovranità nazionale, ma chi ha avuto ragione già da allora e ha difeso tale sovranità come lo stesso Galli e il Corriere oggi vorrebbero.
A quelli che hanno sbagliato (l'establishment e la Sinistra) Galli e il Corriere chiedono oggi di recuperare "l'idea di nazione", ma per fermare e sconfiggere "l'inganno nazionalistico che incalza". Qui Galli, che pure è un bravo storico, confonde due idee opposte e inconciliabili, il sovranismo e il nazionalismo.
LA SINISTRA HA RAGIONE, ANCHE QUANDO SBAGLIA
Il sovranismo di Paesi come l'Italia vuole ritrovare la piena sovranità nazionale e difendere l'interesse nazionale. Il nazionalismo invece è quello di paesi, come la Francia e la Germania, che impongono i loro interessi politici ed economici agli altri Stati della UE con una logica imperialistica e colonizzatrice.
Perché dunque non criticare costoro anziché i sovranisti italiani?
Ieri Galli della Loggia è intervenuto anche sulla "Lettura", il settimanale culturale del "Corriere della sera", per elogiare un articolo (uscito sull'"Espresso") di Roberto Esposito dove si recupera l'idea di nazione. Titolo: "Ora l'identità piace a sinistra".
Scrive Galli: "L'invocazione della dimensione nazionale tradizionale da parte di un giornale come 'L'Espresso' - da sempre vetrina del punto di vista progressista - è qualcosa che va segnalato". E' il segno "di quanti treni la sinistra ha perso".
A parte il fatto che un articolo di Esposito sull'"Espresso" non sembra precisamente un fatto epocale che cambia la mentalità dei nostri progressisti, è significativo che Galli continui a ripetere che una tale "svolta" serve anzitutto a sconfiggere Salvini:
"Riscalda l'animo assistere oggi, pur di sbarazzarsi di Matteo Salvini, alla rivalutazione... della lingua, della bandiera, delle insegne militari, del sangue e del cuore... Fa piacere, insomma, vedere rimesso in auge quel concetto di identità che per tanto tempo il benpensante progressista ha giudicato alla stregua di qualcosa che andava assolutamente espulso dalla storia e dalla politica per bene".
Per i salotti dell'establishment è la Sinistra che è deputata, per statuto, ad aver ragione, anche quando sbaglia. Mentre "la destra" per definizione deve aver torto, anche se dice le cose giuste. Dunque, per costoro, Salvini ha il gravissimo torto di aver ragione e questo non può essergli perdonato.

Da: QUI

Inserzionista Samuele

ALTRE News
Onesta' in poltica? NON SERVE. Abbiamo bisogno di COMPETENZA!
Onesta' in poltica? NON SERVE. Abbiamo bisogno di COMPETENZA!
(Catanzaro)
-

Siamo sicuri che l’onesto sia sempre da preferire al corrotto?
Rubare denaro pubblico è un gesto assolutamente odioso che delegittima la...


(Catanzaro)
-


  Di Notre-Dame è salva la struttura muraria, insieme a un terzo del tetto. Il...

Copyright, UE delibera senza discussione: cosa cambia
Copyright, UE delibera senza discussione: cosa cambia
(Catanzaro)
-

Via libera definitivo alla riforma del copyright europeo
COPYRIGHT OR WRONG, IL CONSIGLIO EUROPEO DELIBERA (SENZA DISCUSSIONE) - L'ITALIA...

Sud Italia, dove INTERNET non esiste per 1 persona su 3
Sud Italia, dove INTERNET non esiste per 1 persona su 3
(Catanzaro)
-

Secondo gli ultimi dati sull'utilizzo di internet e dei social network, anche per gli italiani l'utilizzo dei social è in crescita, dove Facebook è in testa con 31 milioni di utenti, seguito da Instagram e Pinterest. Ma quanto a penetrazione di internet r
Gli italiani sono sempre più online, sebbene al di sotto della media...

DL Sicurezza con porti chiusi? Salva vite umane. Ecco i DATI DEL MINISTERO
DL Sicurezza con porti chiusi? Salva vite umane. Ecco i DATI DEL MINISTERO
(Catanzaro)
-

La politica dei porti chiusi salva tante vite umane
La politica dei porti chiusi salva tante vite umane – di Gianandrea Gaiani – La...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati