Governo MACRON: ARABO come LINGUA OBBLIGATORIA per i bambini francesi

(Genova)ore 21:15:00 del 14/09/2018 - Categoria:

Governo MACRON: ARABO come LINGUA OBBLIGATORIA per i bambini francesi

Il ministro francese per l’educazione nazionale ha espresso il suo sostegno per l’aggiunta della lingua araba al programma scolastico per i bambini francesi, facendo infuriare la destra del paese che ha avvertito di gravi conseguenze se il piano andrà ava

Il ministro francese per l’educazione nazionale ha espresso il suo sostegno per l’aggiunta della lingua araba al programma scolastico per i bambini francesi, facendo infuriare la destra del paese che ha avvertito di gravi conseguenze se il piano andrà avanti.

La Francia dovrebbe elaborare una “strategia qualitativa” per l’insegnamento della lingua araba nelle scuole, ha detto Jean-Michel Blanquer nel corso di un’intervista alla televisione francese. Ha insistito sul fatto che l’arabo, insieme al cinese e al russo, è una delle “grandi lingue della civiltà” e dovrebbe essere appreso “non solo dalle persone di origine maghrebina o dai paesi di lingua araba”.

I commenti di Blanquer sono stati fatti in risposta a un rapporto del Montaigne Institute, un think tank con sede a Parigi, che ha scoperto che gli studenti delle scuole medie e superiori che imparano l’arabo si sono rivolti sempre più a scuole religiose che insegnano il salafismo – una branca radicale dell’islam che sostiene la sharia legge. Il rapporto chiedeva al governo francese di incorporare l’arabo nel programma scolastico pubblico per contrastare l’indottrinamento politico e religioso insegnato in queste scuole salafite, di provenienza saudita.

A causa della crescente popolarità di queste scuole islamiche, l’indottrinamento salafita “sta guadagnando terreno in Francia” – specialmente tra i giovani, l’autore del rapporto, Hakim El Karaoui, ha scritto. “Il numero di studenti che studiano l’arabo nelle scuole medie e superiori francesi si è dimezzato. Ma il tasso si è moltiplicato per dieci nelle moschee “.

Ma mentre Blanquer era piuttosto vago sui possibili pro e contro di tale tentativo, Robert Menard, il sindaco di destra della città di Beziers, non ha lesinato parole minacciose quando ha criticato il suggerimento di Blanquer come ” un progetto con conseguenze incalcolabili”.

Sviluppare l’insegnamento dell’arabo a scuola e ‘dare prestigio’ è legittimare la nascita di un’altra nazione in Francia”, ha scritto Menard. Apparentemente, non era solo nell’esprimere la sua rabbia.

“In un paese normale, agli immigrati viene chiesto di integrarsi, soprattutto imparando la lingua nazionale. Nel nostro paese, il Ministro dell’Istruzione vuole che i bambini francesi imparino l’arabo “, ha scritto Antoine Baudino, uno staff legislativo per il partito a vocazione anti-immigrati del National Rally.

Jean-Frederic Poisson, membro dell’Assemblea nazionale e presidente del Partito Democratico Cristiano, ha definito l’idea di insegnare l’arabo nelle scuole pubbliche come un “brutto scherzo”.

“Di fronte al livello di declino francese dei nostri studenti, questa assurda idea dimostra che il governo ha un senso di priorità molto inquietante!” Ha scritto.

Nonostante i suoi migliori sforzi per sottolineare che l’arabo è in effetti una “grande lingua letteraria”, il ministro non ha ottenuto molto sostegno sui social media.

“Sviluppare l’arabo sarebbe la fine dell’Occidente!” Ha avvertito un utente di Twitter. “Impara l’arabo? Come il tedesco negli anni ’40? ” Ha scritto un altro utente, apparentemente suggerendo che la Francia fosse ” una nazione occupata “.

Altri utenti hanno sottolineato la deriva in cui sta cadendo la nazione francese da quando la sua classe politica ha voluto pilotare il paese verso una società mutliculturale.

Nota: D’altra parte non ci si può meravigliare di queste proposte, visto che lo stesso Macron, tempo addietro,  aveva candidamente dichiarato, “la Francia non ha una sola cultura ma più culture”.

Nessuna meraviglia. Per coloro che non l’avessero ancora compreso, la finalità delle elite mondialiste che inseguono l’obiettivo di una società multiculturale rimane quello di annullare l’identità culturale e storica del paese e proclamarsi un paese cosmopolita e multiculturale.

 

Da: QUI

 

Inserzionista Samuele

ALTRE News


Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati