Di Maio, cronaca di un fallimento. Sia come leader dei 5 stelle, che come Ministro del Lavoro

(Napoli)ore 23:40:00 del 01/09/2019 - Categoria: , Politica

Di Maio, cronaca di un fallimento. Sia come leader dei 5 stelle, che come Ministro del Lavoro

La luna è bella perché irraggiungibile: la puoi solo sognare, a volte toccarla con un dito...

DI MAIO HA FALLITO - La luna è bella perché irraggiungibile: la puoi solo sognare, a volte toccarla con un dito. Il Movimento 5 Stelle ha preteso di infilarla in un sito web. E così, in poco più di un anno, è finito nel deserto. La desertificazione del Sud di cui ha parlato nell’editoriale di martedì scorso Enzo d’Errico, direttore del Corriere del Mezzogiorno, ha soprattutto il volto di Luigi Di Maio. Dopo la breve stagione di Renzi, il Mezzogiorno si era affidato ad un altro astro nascente.

Questa volta era proprio un figlio suo, un ragazzo nato dal niente che come marchio di fabbrica scelse di esagerare. Non gli bastava portare correttezza nella politica, era pronto a linciare ogni presunto colpevole e gridava «onestà-onestà» nella pubblica piazza. Non si accontentava di aumentare le garanzie per i precari, chi assume deve farlo per sempre perché da oggi c’è il decreto dignità. Non gli bastava intervenire sugli abusi della grande industria, per lui l’Ilva era già archeologia, così come le grandi imprese e le grandi opere, dalle Olimpiadi al gasdotto fino alla Tav. E in cima alla lista c’era il nervo scoperto del Sud: il reddito delle famiglie senza lavoro.

DI MAIO HA FALLITO - Gli ultimi dati Istat dicono che a luglio 2019 si contano 18mila occupati in meno in totale rispetto al mese precedente. È il primo calo dopo cinque mesi consecutivi con il segno più davanti agli zero virgola, puntualmente celebrati da ministro e sodali. Il calo di luglio è dovuto a una diminuzione dei contratti dipendenti, sia quelli a termine su cui il decreto ha operato un giro di vite (-2mila), ma soprattutto di quelli a tempo indeterminato, su cui il decreto invece puntava. Meno 44mila contratti stabili in un mese. Gli stessi che Di Maio aveva accolto come “boom”. In compenso, sono tornati a crescere gli autonomi (+29mila). Tra i quali potrebbero annidarsi anche le famose false partite Iva, strumento per i datori di lavoro per aggirare il decreto dignità evitando turnover e assunzioni a tempo indeterminato.

A luglio 2019 si contao 44mila contratti di lavoro a tempo indeterminato in meno

DI MAIO HA FALLITO - La disoccupazione, in compenso, torna a salire al 9,9%, sfiorando ancora una volta la soglia psicologica del 10%, che pensavamo di aver lasciato ormai alle spalle. Allora, qualcosa non torna. E la realtà è ben diversa dai post sui social. Perché non basta un decreto a rivitalizzare il mercato del lavoro. Non a caso, l’emorragia di occupati a luglio si registra quasi soltanto tra i 35-49enni (-45mila), in quella fascia di mezzo senza incentivi e bonus giovani, che in un anno si lascia alle spalle quasi 200mila occupati in meno.

Il tasso di occupazione si ferma al 59,1%, al penultimo posto in Europa. Rispetto a luglio del 2018, è cresciuto dello 0,5%, pari a quasi 200mila occupati in più. Bilancio positivo, allora? Non proprio. Dietro questo segno più, si nasconde il crollo delle ore lavorate, ancora ben al di sotto dei livelli pre-crisi, che significa il boom di part time involontari, contrattini e minijobs. Cioè: lavoro povero e di scarsa qualità.

Se è vero che nel primo trimestre dell’anno, come ha sottolineato Di Maio, i contratti stabili sono aumentati – tra trasformazioni da contratti a termine e attivazioni – del 150,7% rispetto al 2018, il boom è tutt’altro che sotto i nostri occhi. Il vero numero da tenere in considerazione è che a giugno 2019, rispetto a giugno 2018, le assunzioni a tempo indeterminato sono state 14mila in meno. Con un totale di 158mila assunzioni in meno. Aumentano sì le trasformazioni, ma con un trend che rallenta ormai da tre mesi. I contratti a tempo determinato e quelli in somministrazione in meno, allora, non vengono compensati da quelli stabili. E la variazione netta dei rapporti di lavoro segna, in totale, 100mila contratti in meno in un anno.

L’emorragia di occupati a luglio si registra quasi soltanto tra i 35-49enni (-45mila), in quella fascia di mezzo senza incentivi e bonus giovani, che in un anno si lascia alle spalle quasi 200mila occupati in meno

Senza dimenticare il boom, questo sì, delle ore di cassa integrazione autorizzate, cresciute a luglio del 33,5% in un anno, con la cassa straordinaria cresciuta del 50,2% e quella in deroga del 317,5 per cento. Ammortizzatori frutto delle oltre 150 crisi industriali che, in un anno di lavoro, il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico insieme non è riuscito ad avviare verso la risoluzione.

Se consideriamo le ore totali di cig equivalenti a posti di lavoro con lavoratori a zero ore – è il calcolo che ha fatto i Centro Studi Lavoro&Welfare – in questi primi sette mesi dell'anno (30 settimane lavorative), si determina un’assenza completa di attività produttiva per oltre 134mila lavoratori, di cui 83mila in cassa integrazione straordinaria. Il risultato è che si sono perse oltre 20 milioni di giornate lavorative dall’inizio dell’anno. Mentre i lavoratori, parzialmente tutelati dalla cig, in questi sette mesi hanno visto diminuire complessivamente il loro reddito di 670 milioni di euro.

In compenso, si dirà, c’è il reddito di cittadinanza. Ma anche qui, nel cavallo di battaglia del ministro Di Maio, quello che manca è proprio il lavoro. La fase due del reddito, con le proposte di lavoro da fare ai beneficiari, dopo cinque mesi di erogazione del reddito, non è ancora partita. Per le prime convocazioni si comincerà, in ritardo, il 2 settembre. Ma solo il 30% di chi ha fatto domanda potrà essere avviato al lavoro.

Ma potevamo fermarci ad un sostegno ai disoccupati? Macché. Per quello andavano bene i vecchi burocrati. Aboliamo direttamente la povertà. «Et voilà - direbbe Jean Jacques Rousseau - les jeux sont faits».Questo il percorso di un movimento animato da passioni autentiche ma diretto da un regista gelido come una multinazionale. Il mandato era chiaro sin dai tempi del primo Beppe Grillo: suscitare la rivolta contro “il vecchio”, e poi gestire i fiumi di consenso con la finta democrazia della rete. Nessuna mediazione, nessun compromesso. Come se nel ’68 fosse davvero andata al potere la fantasia.

Inserzionista Gerardo

ALTRE News
Inciuco col PD? Gli elettori si sentono TRADITI dal M5S
Inciuco col PD? Gli elettori si sentono TRADITI dal M5S
(Napoli)
-

ELETTORI TRADITI DAI 5STELLE - La frattura vera nasce dalla decisione di Pd e M5S di appoggiare (insieme) Ursula von der Leyen come capo della Commissione Ue.
ELETTORI TRADITI DAI 5STELLE - La frattura vera nasce dalla decisione di Pd e...

Ricomincia la scuola: ecco il calendario e ponti 2019/2020
Ricomincia la scuola: ecco il calendario e ponti 2019/2020
(Napoli)
-

CALENDARIO E PONTI SCOLASTICI 2020 - L'anno scolastico è appena cominciato, in molte scuole i docenti già si sono riuniti per programmare l’attività didattica degli studenti.
CALENDARIO E PONTI SCOLASTICI 2020 - L'anno scolastico è appena cominciato, in...

Iva, Cuneo Fiscale, Taglio parlamentari.. Tutte le priorita' del nuovo governo
Iva, Cuneo Fiscale, Taglio parlamentari.. Tutte le priorita' del nuovo governo
(Napoli)
-

TUTTE LE PRIORITA' DEL NUOVO GOVERNO M5S PD - La neutralizzazione dell’aumento dell’Iva e la necessità di maggiore flessibilità in Ue; la riduzione del cuneo fiscale e l’impegno per un “Green new deal” con lo stop delle nuove concessioni per le trivellazi
TUTTE LE PRIORITA' DEL NUOVO GOVERNO M5S PD - La neutralizzazione dell’aumento...

Asili nido, azzerare rette per famiglie con redditi bassi
Asili nido, azzerare rette per famiglie con redditi bassi
(Napoli)
-

AZZERARE RETTE ASILI NIDO PER FAMIGLIE CON REDDITI BASSI - Oggi il presidente del Consiglio Giuseppe Conte si è presentato questa mattina alla Camera per tenere il suo discorso programmatico e ottenere la fiducia dall'Aula.
AZZERARE RETTE ASILI NIDO PER FAMIGLIE CON REDDITI BASSI - Oggi il presidente...

M5S PD: un governo nato con un SONDAGGIO ONLINE non puo' MAI piacere agli italiani!
M5S PD: un governo nato con un SONDAGGIO ONLINE non puo' MAI piacere agli italiani!
(Napoli)
-

M5S PD, IL NUOVO GOVERNO NON VOTATO DAGLI ITALIANI - Niente di irregolare, per carità.
M5S PD, IL NUOVO GOVERNO NON VOTATO DAGLI ITALIANI - Niente di irregolare, per...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati