Crisi: 1 studente su 2 non potra' fare la GITA SCOLASTICA

(Campobasso)ore 23:25:00 del 04/02/2019 - Categoria: , Denunce, Economia

Crisi: 1 studente su 2 non potra' fare la GITA SCOLASTICA

Addio alla gita scolastica. Uno studente su due quest’anno non farà il viaggio d’istruzione per ragioni economiche e perché i professori non sono disposti ad accompagnarli.

Addio alla gita scolastica. Uno studente su due quest’anno non farà il viaggio d’istruzione per ragioni economiche e perché i professori non sono disposti ad accompagnarli. A fare la fotografia sulle partenze dei nostri studenti è l’Osservatorio sulle gite scolastiche di Skuola.net che ha preso in esame 12mila studenti della scuola secondaria di primo grado e delle superiori.

I numeri raccolti ci dicono che la metà esatta (50%) dei ragazzi intervistati dovrà rinunciare alla partenza. Anzi. Al Sud la percentuale è addirittura superiore (55%). E stiamo parlando solo di quelli che non partiranno per decisione della scuola. Perché a questo dato, già di per sé eloquente, vanno aggiunti gli studenti ( il 7%,) che, pur potendo, non andranno in gita volontariamente. Tra loro, il 28% salterà il viaggio per motivi economici; ma sono tanti (22%) quelli che non partono semplicemente perché, non hanno voglia di stare con i compagni al di là del tempo passato in classe. Se un tempo il viaggio d’istruzione era un’occasione per incrementare l’amalgama tra studenti oggi la classe è vista sempre meno come una comunità. Tra coloro che non partono con i compagni il 19% farà una breve vacanza con i genitori, il 16% con gli amici.

Andando a vedere nel dettaglio i numeri presentati da Skuola.net scopriamo che tra le cause che mandano a monte il viaggio d’istruzione, in un caso su quattro c’è proprio lo zampino dei professori. “D’altro canto – spiegano quelli di Skuola.net – non è una novità che tantissimi docenti non se la sentano più di accompagnare i propri alunni; troppo rischioso”. Molto meno determinanti altri motivi, apparentemente più importanti, come ad esempio le questioni disciplinari (decisive nel 9% dei casi) oppure l’assenza di adesioni a sufficienza (7%) in una classe.

Ma come vengono scelti i viaggi d’istruzione? L’interesse culturale è sempre più il parametro fondamentale utilizzato per selezionare la meta finale (70%). Molto più indietro (20%) i fattori economici. La minaccia terroristica non fa paura (5%). Così come la sicurezza del mezzo di trasporto non è tra le priorità (5%). A tal proposito, il pullman (46%) resta il mezzo più utilizzato, specie per i viaggi nazionali. Le compagnie aeree low-cost (19%) si fanno preferire rispetto a quelle tradizionali (17%). Qualcuno, però, si muove in treno (12%). Tra le mete scelte la maggior parte (56%) resta in Italia: Firenze, Napoli e Roma sono sempre tra i luoghi preferiti dai professori e dagli studenti. Così come chi varca i confini nazionali (44%) sceglie Barcellona, Londra e Berlino. Il periodo scelto per partire è indubbiamente la primavera (75%, 3 gite su 4). La permanenza media? Qualcuno azzarda quattro (20%) o cinque (23%) giorni, ma quasi 1 su 3 – il 31% – si limita al massimo a tre giorni anche per contenere la spesa che si aggira tra i 200 e 400 euro. Soldi a quanto pare che non tutte le famiglie si possono permettere e che le scuole non riescono a garantire.

Da: QUI

 

Inserzionista Gregorio

ALTRE News
Fragole italiane garantite e di qualita' messe da parte per far spazio ALLE CINESI
Fragole italiane garantite e di qualita' messe da parte per far spazio ALLE CINESI
(Campobasso)
-

Importazioni di fragole fuori controllo: la testimonianza di un produttore italiano
Per i fragolicoltori meridionali sono settimane dure a causa dell’invasione...

Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
Canarie, il PARADISO europeo: benzina 1 Euro, sigarette 2 e IVA al 7%
(Campobasso)
-

Canarie: ecco il paese dove la benzina costa 1 euro, le sigarette 2 e l’IVA è al 7%
Benvenuti nel paradiso dei pensionati dove con 1000 euro si può fare una vita da...

Psicologo no, ma gli italiani preferiscono spendere 350 MILIONI L'ANNO in ANSIOLITICI
Psicologo no, ma gli italiani preferiscono spendere 350 MILIONI L'ANNO in ANSIOLITICI
(Campobasso)
-

Gli italiani hanno più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un Paese dove ammettere di essere in terapia da uno psicologo o uno psichiatra è ancora considerato un tabù, gli psicofarmaci sono diventati una scorciatoia per combattere i distur
Gli italiani hanno più paura della psicoterapia che degli psicofarmaci. In un...

Italia: RECORD europeo di SCUOLE CHIUSE PER VACANZE.
Italia: RECORD europeo di SCUOLE CHIUSE PER VACANZE.
(Campobasso)
-

Voi cosa ne pensate? Preferireste vacanze (anche quelle natalizie) più corte, ma suddivise su più periodi dell’anno?
In effetti, la durata delle vacanze è un problema molto serio, su cui politici e...

Da 30 ANNI lo Stato spende meno di quanto incassa
Da 30 ANNI lo Stato spende meno di quanto incassa
(Campobasso)
-

Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel 1981, in cui accade un evento epocale, che fa da spartiacque nella storia della sovranità economica italiana
Ma quando si è creato il fardello del debito pubblico italiano? Tutto parte nel...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati