Astrobot Rescue Mission: cosa conoscere

(Genova)ore 23:44:00 del 04/09/2018 - Categoria: , Videogames

Astrobot Rescue Mission: cosa conoscere

Un obiettivo non semplice da centrare viste le problematiche che questa tecnologia, ancora ai suoi albori, ha presentato e continua a presentare fin troppo spesso.

 

Seppure in sordina, anche Playstation VR è stato protagonista di questa Gamescom 2018: al booth Sony era possibile provare, infatti, alcuni dei titoli che andranno a segnare il futuro di questa periferica nel corso di quest'anno ed oltre. Di questi, però, soltanto uno è riuscito a conquistare il nostro cuore: stiamo parlando di Astrobot: Rescue Mission, il platform in VR che sembra avere tutte le carte in regola per classificarsi tra i migliori titoli disponibili per il visore targato Sony.

Il ritorno di Astro

Se il protagonista di questa nuova avventura, di nome Astro, vi ricorda qualcosa, avete sicuramente ragione. Lo avevamo già visto in The Playroom, dove accompagnava il giocatore nei diversi minigiochi disponibili, anche in VR. Adesso, però, questo buffo robottino è finalmente protagonista di un'avventura tutta sua: sarà infatti vestendo i suoi panni che dovremo cercare di salvare l'equipaggio della nostra astronave, disperso su ben cinque diversi pianeti.

Questa basilare premessa narrativa ha dato modo agli sviluppatori di sbizzarrirsi in quanto ad ambientazioni: nel corso della nostra prova abbiamo potuto affrontare livelli ambientati in moderne città, correndo su pericolanti lastre di metallo, in rigogliosi giardini, finendo anche su un grattacielo per affrontare un probabile parente di King Kong (su questo torneremo in seguito). Insomma, la varietà non manca in questo Astrobot: Rescue Mission. Graficamente, il titolo è decisamente accattivante, grazie ad un'irresistibile direzione artistica e all'assenza dei problemi che fin troppo spesso hanno fatto da sfondo ai titoli Playstation VR. Non solo: nonostante i molti spostamenti di telecamera avvenuti durante i livelli, non abbiamo avvertito alcun accenno di motion-sickness. Quando ci siamo tolti il visore, avendo terminato i livelli della nostra prova, avevamo solamente voglia di tuffarci di nuovo nelle avventure di Astro: un obiettivo non semplice da centrare viste le problematiche che questa tecnologia, ancora ai suoi albori, ha presentato e continua a presentare fin troppo spesso.

Un robottino a spasso per l'universo

Come già annunciato dal creative director di Japan StudioAstrobot: Rescue Missionpotrà contare su 26 livelli. In ciascuno di essi avremo diversi obiettivi: il primo sarà quello di raggiungere la fine del livello, semplicemente. Per farlo dovremo attraversare piattaforme, calibrando con attenzione i nostri salti, e sconfiggere gli eventuali nemici che si pareranno sul nostro cammino. Sono presenti anche piccoli enigmi ambientali, che talvolta dovranno essere risolti per proseguire nel livello. Per completare davvero il livello, però, dovremo anche trovare tutti i nostri compagni dispersi al suo interno, spesso ben nascosti, e raccogliere le diverse monete sparse lungo tutto il percorso. I comandi di Astro sono affidati al classico Dualshock 4, di cui viene saltuariamente utilizzato anche il sensore di movimento, come quando abbiamo ottenuto un rampino da utilizzare per agganciare oggetti lontani.

Abbiamo anche avuto modo di giocare una boss fight contro un gigantesco scimmione, sul tetto di un grattacielo: una lotta tanto semplice quanto divertente nella sua esecuzione, che prevedeva di staccare i denti del povero primate utilizzando il rampino ottenuto poco prima. Fino a qui, tutto nella norma: si tratta di elementi basilari di un platform che, per quanto ben realizzati, non stupiscono affatto. La carta vincente di Astrobot sta nella tecnologia che utilizza: Japan Studio ha fatto di Playstation VR il cardine di questa avventura, senza limitarsi ad utilizzarlo come fattore di immersione. Nel gioco dovremo costantemente guardarci intorno, sporgerci oltre i muri, ruotare la testa per vedere parti del livello altrimenti nascoste: in poche parole, il giocatore avrà una parte attiva all'interno del gioco, esplorando ogni livello insieme ad Astro. La soddisfazione che si prova nello scovare un passaggio segreto, con al suo interno un compagno diverso, è davvero grande, al punto che non si riuscirebbe ad immaginare il gioco senza Playstation VR. Gli amanti dei platform che possiedono la piattaforma si troveranno di fronte ad un platform con tutti i crismi, con il valore aggiunto di essere uno di quei pochi titoli che hanno saputo davvero utilizzare questa tecnologia. Ci sono però dei dubbi che rimangono: innanzitutto, la difficoltà ci è apparsa troppo calibrata verso il basso. Non sappiamo se le cose cambieranno nei livelli più avanzati, ma nel corso della nostra prova non abbiamo avuto particolari problemi nel terminare i livelli, scovando peraltro la maggior parte dei segreti. Il secondo, grande dubbio è collegato al primo: ventisei livelli, considerata la durata non elevata di quelli da noi provati, potrebbero finire troppo presto. Staremo a vedere: sicuramente, Astrobot: Rescue Mission è uno dei titoli che tutti i possessori di Playstation VR dovrebbero tenere d'occhio.

Da: QUI

 

Inserzionista Gerardo

ALTRE News
La prova di The Princess Guide
La prova di The Princess Guide
(Genova)
-

Un meccanismo di scelta costante, che “fa da padrone” all’interno delle dinamiche di The Princess Guide, riesce, però, a stratificare in maniera interessante la narrazione, rendendo maggiormente interattivi i costanti dialoghi descritti poc’anzi.
  Son tutti bravi ad impugnare una spada o un’enorme ascia bipenne, trincerarsi...

La prova di Anno 1800
La prova di Anno 1800
(Genova)
-

In poche parole, è necessario mantenere alcune zone volutamente povere, per non privarsi di lavoratori fondamentali.
  L’esplorazione di mondi futuri non ha portato benissimo ad Anno e a Blue...

La prova di Pumped BMX Pro
La prova di Pumped BMX Pro
(Genova)
-

Progredendo del gioco, dopo aver fatto pratica, sbloccherete altri set (attivabili con la semplice pressione dei tasti dorsali), che comprendono “mosse” più complicate oppure evoluzioni più spinte delle iniziali.
  Pumped BMX Pro non è uno di quei giochi che vi terrà impegnati per ore e ore...

Super Dragon Ball Heroes World Mission: provato
Super Dragon Ball Heroes World Mission: provato
(Genova)
-

Dal 2010, Dragon Ball Heroes è diventato rapidamente tra i videogiochi di carte più giocati al mondo, ma relegato spesso e volentieri nel solo Giappone.
  Non serve che vi presentiamo Dragon Ball, l’immortale serie di Akira...

La prova di Weedcraft Inc
La prova di Weedcraft Inc
(Genova)
-

I confronti con questi soggetti verranno affidati a un pratico sistema di dialoghi a vignetta, nei quali sarà anche possibile cercare di indirizzare la conversazione in modo da ottenere il risultato sperato.
  Sono passati oltre ottanta anni dall’emanazione del Marijuana Tax Act da...



Notizie di Oggi | Contatti | Sitemap articoli

2013 Notizie di Oggi - Tutti i diritti riservati